Università, condannata alla quantità

Anche all’università italiana è in arrivo La Corazzata Potemkin, cioè una “boiata pazzesca”, per dirla col ragioniere Ugo Fantozzi. Si tratta dell’ANVUR (Agenzia nazionale per la valutazione dell’università e della ricerca) prevista nella legge di riforma di un anno e mezzo fa ed ora autocollocatasi nel cuore di ogni preesistente libertà di ricerca.Sessantamila docenti italiani, nonché tutti i loro dipartimenti ed atenei, dovranno essere quanto prima valutati e classificati in base ai criteri fissati dalla nuova Agenzia. Tutto si svolgerà secondo una raggelante tecnica quantitativa (numero di pagine di uno scritto, rimbalzi in altri scritti tramite citazioni, riviste e case editrici che lo pubblicano e via dicendo). Tecnica ipocrita ed ingannevole che, tanto nell’abito cosiddetto scientifico quanto nell’ambito cosiddetto umanistico, ha sempre ispirato una abdicazione dalle responsabilità individuali e prodotto vere e proprie forme di corruzione della probità scientifica.
Si pensi alla vicenda del matematico italiano Ennio De Giorgi, colui che fece meglio di John Nash, il memorabile protagonista del film Beautiful mind. Il lavoro di De Giorgi, pubblicato in italiano nel 1957 dall’Accademia della Scienze di Torino, in base alla dittatura dei parametri bibliometrici, non consentirebbe all’autore di essere preso in considerazione neanche come professore di seconda fascia nelle nostre università.E si ricordi pure il caso “filosofico” di Karl Popper in Italia. Su di lui e sulle sue opere pesava fin dall’immediato dopoguerra il veto dell’editorone Einaudi e del professorone Norberto Bobbio; sarebbero stati poi alla metà degli anni settanta una piccola casa editrice (Armando) ed un allora giovanissimo professorino (Dario Antiseri) a non farsi condizionare da quel veto.
Al fianco dei nuovi sacerdoti della bibliometria, ispirati, quasi come i cardinali in conclave, dallo Spirito Santo del sapere, operano in questi giorni in Italia le imprese che questi meccanismi di finta obbiettività hanno inventato e producono. Si mira ad una sorta di mercato ad hoc, esclusivo ed autoreferenziale di editoria accademica lontano da ogni effettiva garanzia di competizione e di libertà. Con l’ANVUR nella parte di un enorme costosissimo apparato centrale irresponsabile e introvabile, capace di far valere comunque un rapporto fra libertà di ricerca e organizzazione accademica degno dei peggiori modelli di democrazia popolare.Se fossimo al cinema, sarebbe La Corazzata Potemkin contro Beautiful mind. Bruttissimo spettacolo: neanche immaginabile quando, prima dell’estate scorsa, il CUN (Consiglio universitario nazionale) aveva deliberato che “in ogni caso nessun parametro quantitativo potrà impedire un positivo giudizio di merito a fronte di risultati di assoluto valore”. Come a suo tempo per De Giorgi e Antiseri, come mai più l’ANVUR vorrebbe accadesse: in omaggio a parametri di vil meccanica! Luigi Compagna (Il Tempo, 17 febbraio 2012)

Tags: , , ,



I commenti sono chiusi