Adesso c’è un complice e si dubita delle bombole

I media adesso parlano di un complice nella strage di Brindisi. Lo dicono in sordina, quasi fosse scontato. Ma sino a ieri si parlava di un gesto isolato, di follia o emotivo. Anche la versione delle bombole a gas inizia a franare. Si stanno approfondendo i segni sulla scuola e i periti si lamentano che le schegge siano stato rimosse. Tutta la ns stima e incoraggiamento alle forze dell’ordine. Meno per i magistrati che hanno parlato troppo e troppo presto. Staremo a vedere, qualcosa ci dice che su Brindisi ne vedremo delle belle (nebbie). TEMIS

Tags: , ,



I commenti sono chiusi