Articolo taggato ‘bilderberg’

Tutti al Bilderberg

Martedì, 4 Giugno 2013

1. DAGOREPORT – I MAGNIFICI CINQUE DEL BILDERBERG 2012: BERNABE’, GRUBER, ELKANN, CONTI E IL PREMIER ENRICO LETTA
Chissà se venerdì scorso, prima di iniziare l’ospitata negli studi de La7, Franco Bernabé ha concordato con Lilli Gruber la trasferta londinese di mercoledì all’appuntamento annuale del Gruppo Bilderberg.

Nelle liste di partecipanti, più o meno ufficiose, che si trovano in rete, infatti, figurano cinque italiani all’edizione dello scorso anno: il presidente della Telecom e la conduttrice di “Otto e mezzo”, appunto, oltre a Nagel di Mediobanca, Cucchiani di Intesa, Rocca di Techint e Mario Monti, assenti il presidente della Fiat John Elkann, l’ad dell’Enel Fulvio Conti e l’attuale premier in carica, Enrico Letta. All’ultima edizione, dopo che non aveva mancato un appuntamento per diversi anni, non ha invece partecipato Mario Monti, diventato presidente del Consiglio.

2. BREAKING: OFFICIAL BILDERBERG ATTENDEE LIST RELEASED
http://www.infowars.com/breaking-official-bilderberg-attendee-list-released/

June 3, 2013
Here is the official list of attendees for the upcoming Bilderberg meeting at The Grove in Watford, England, as well as the agenda.
Hertfordshire, England 6-9 June 2013
Current list of Participants
Status 3 June 2013

Chairman
FRA Castries, Henri de Chairman and CEO, AXA Group

DEU Achleitner, Paul M. Chairman of the Supervisory Board, Deutsche Bank AG
DEU Ackermann, Josef Chairman of the Board, Zurich Insurance Group Ltd
GBR Agius, Marcus Former Chairman, Barclays plc
GBR Alexander, Helen Chairman, UBM plc
USA Altman, Roger C. Executive Chairman, Evercore Partners
FIN Apunen, Matti Director, Finnish Business and Policy Forum EVA
USA Athey, Susan Professor of Economics, Stanford Graduate School of Business
TUR Ayd?nta?ba?, Asl? Columnist, Milliyet Newspaper
TUR Babacan, Ali Deputy Prime Minister for Economic and Financial Affairs
GBR Balls, Edward M. Shadow Chancellor of the Exchequer
PRT Balsemão, Francisco Pinto Chairman and CEO, IMPRESA
FRA Barré, Nicolas Managing Editor, Les Echos
INT Barroso, José M. Durão President, European Commission
FRA Baverez, Nicolas Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP
FRA Bavinchove, Olivier de Commander, Eurocorps
GBR Bell, John Regius Professor of Medicine, University of Oxford
ITA Bernabè, Franco Chairman and CEO, Telecom Italia S.p.A.
USA Bezos, Jeff Founder and CEO, Amazon.com
SWE Bildt, Carl Minister for Foreign Affairs
SWE Borg, Anders Minister for Finance
NLD Boxmeer, Jean François van Chairman of the Executive Board and CEO, Heineken N.V.
NOR Brandtzæg, Svein Richard President and CEO, Norsk Hydro ASA
AUT Bronner, Oscar Publisher, Der Standard Medienwelt
GBR Carrington, Peter Former Honorary Chairman, Bilderberg Meetings
ESP Cebrián, Juan Luis Executive Chairman, Grupo PRISA
CAN Clark, W. Edmund President and CEO, TD Bank Group
GBR Clarke, Kenneth Member of Parliament
DNK Corydon, Bjarne Minister of Finance
GBR Cowper-Coles, Sherard Business Development Director, International, BAE Systems plc
ITA Cucchiani, Enrico Tommaso CEO, Intesa Sanpaolo SpA
BEL Davignon, Etienne Minister of State; Former Chairman, Bilderberg Meetings
GBR Davis, Ian Senior Partner Emeritus, McKinsey & Company
NLD Dijkgraaf, Robbert H. Director and Leon Levy Professor, Institute for Advanced Study
TUR Dinçer, Haluk President, Retail and Insurance Group, Sabanc? Holding A.S.
GBR Dudley, Robert Group Chief Executive, BP plc
USA Eberstadt, Nicholas N. Henry Wendt Chair in Political Economy, American Enterprise Institute
NOR Eide, Espen Barth Minister of Foreign Affairs
SWE Ekholm, Börje President and CEO, Investor AB
DEU Enders, Thomas CEO, EADS
USA Evans, J. Michael Vice Chairman, Goldman Sachs & Co.
DNK Federspiel, Ulrik Executive Vice President, Haldor Topsøe A/S
USA Feldstein, Martin S. Professor of Economics, Harvard University; President Emeritus, NBER
FRA Fillon, François Former Prime Minister
USA Fishman, Mark C. President, Novartis Institutes for BioMedical Research
GBR Flint, Douglas J. Group Chairman, HSBC Holdings plc
IRL Gallagher, Paul Senior Counsel
USA Geithner, Timothy F. Former Secretary of the Treasury
USA Gfoeller, Michael Political Consultant
USA Graham, Donald E. Chairman and CEO, The Washington Post Company
DEU Grillo, Ulrich CEO, Grillo-Werke AG
ITA Gruber, Lilli Journalist – Anchorwoman, La 7 TV
ESP Guindos, Luis de Minister of Economy and Competitiveness
GBR Gulliver, Stuart Group Chief Executive, HSBC Holdings plc
CHE Gutzwiller, Felix Member of the Swiss Council of States
NLD Halberstadt, Victor Professor of Economics, Leiden University; Former Honorary Secretary General of Bilderberg Meetings
FIN Heinonen, Olli Senior Fellow, Belfer Center for Science and International Affairs, Harvard Kennedy School of Government
GBR Henry, Simon CFO, Royal Dutch Shell plc
FRA Hermelin, Paul Chairman and CEO, Capgemini Group
ESP Isla, Pablo Chairman and CEO, Inditex Group
USA Jacobs, Kenneth M. Chairman and CEO, Lazard
USA Johnson, James A. Chairman, Johnson Capital Partners
CHE Jordan, Thomas J. Chairman of the Governing Board, Swiss National Bank
USA Jordan, Jr., Vernon E. Managing Director, Lazard Freres & Co. LLC
USA Kaplan, Robert D. Chief Geopolitical Analyst, Stratfor
USA Karp, Alex Founder and CEO, Palantir Technologies
GBR Kerr, John Independent Member, House of Lords
USA Kissinger, Henry A. Chairman, Kissinger Associates, Inc.
USA Kleinfeld, Klaus Chairman and CEO, Alcoa
NLD Knot, Klaas H.W. President, De Nederlandsche Bank
TUR Koç, Mustafa V. Chairman, Koç Holding A.S.
DEU Koch, Roland CEO, Bilfinger SE
USA Kravis, Henry R. Co-Chairman and Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.
USA Kravis, Marie-Josée Senior Fellow and Vice Chair, Hudson Institute
CHE Kudelski, André Chairman and CEO, Kudelski Group
GRC Kyriacopoulos, Ulysses Chairman, S&B Industrial Minerals S.A.
INT Lagarde, Christine Managing Director, International Monetary Fund
DEU Lauk, Kurt J. Chairman of the Economic Council to the CDU, Berlin
USA Lessig, Lawrence Roy L. Furman Professor of Law and Leadership, Harvard Law School; Director, Edmond J. Safra Center for Ethics, Harvard University
BEL Leysen, Thomas Chairman of the Board of Directors, KBC Group
DEU Lindner, Christian Party Leader, Free Democratic Party (FDP NRW)
SWE Löfven, Stefan Party Leader, Social Democratic Party (SAP)
DEU Löscher, Peter President and CEO, Siemens AG
GBR Mandelson, Peter Chairman, Global Counsel; Chairman, Lazard International
USA Mathews, Jessica T. President, Carnegie Endowment for International Peace
CAN McKenna, Frank Chair, Brookfield Asset Management
GBR Micklethwait, John Editor-in-Chief, The Economist
FRA Montbrial, Thierry de President, French Institute for International Relations
ITA Monti, Mario Former Prime Minister
USA Mundie, Craig J. Senior Advisor to the CEO, Microsoft Corporation
ITA Nagel, Alberto CEO, Mediobanca
NLD Netherlands, H.R.H. Princess Beatrix of The
USA Ng, Andrew Y. Co-Founder, Coursera
FIN Ollila, Jorma Chairman, Royal Dutch Shell, plc
GBR Omand, David Visiting Professor, King’s College London
GBR Osborne, George Chancellor of the Exchequer
USA Ottolenghi, Emanuele Senior Fellow, Foundation for Defense of Democracies
TUR Özel, Soli Senior Lecturer, Kadir Has University; Columnist, Habertürk Newspaper
GRC Papahelas, Alexis Executive Editor, Kathimerini Newspaper
TUR Pavey, ?afak Member of Parliament (CHP)
FRA Pécresse, Valérie Member of Parliament (UMP)
USA Perle, Richard N. Resident Fellow, American Enterprise Institute
USA Petraeus, David H. General, U.S. Army (Retired)
PRT Portas, Paulo Minister of State and Foreign Affairs
CAN Prichard, J. Robert S. Chair, Torys LLP
INT Reding, Viviane Vice President and Commissioner for Justice, Fundamental Rights and Citizenship, European Commission
CAN Reisman, Heather M. CEO, Indigo Books & Music Inc.
FRA Rey, Hélène Professor of Economics, London Business School
GBR Robertson, Simon Partner, Robertson Robey Associates LLP; Deputy Chairman, HSBC Holdings
ITA Rocca, Gianfelice Chairman,Techint Group
POL Rostowski, Jacek Minister of Finance and Deputy Prime Minister
USA Rubin, Robert E. Co-Chairman, Council on Foreign Relations; Former Secretary of the Treasury
NLD Rutte, Mark Prime Minister
AUT Schieder, Andreas State Secretary of Finance
USA Schmidt, Eric E. Executive Chairman, Google Inc.
AUT Scholten, Rudolf Member of the Board of Executive Directors, Oesterreichische Kontrollbank AG
PRT Seguro, António José Secretary General, Socialist Party
FRA Senard, Jean-Dominique CEO, Michelin Group
NOR Skogen Lund, Kristin Director General, Confederation of Norwegian Enterprise
USA Slaughter, Anne-Marie Bert G. Kerstetter ’66 University Professor of Politics and International Affairs, Princeton University
IRL Sutherland, Peter D. Chairman, Goldman Sachs International
GBR Taylor, Martin Former Chairman, Syngenta AG
INT Thiam, Tidjane Group CEO, Prudential plc
USA Thiel, Peter A. President, Thiel Capital
USA Thompson, Craig B. President and CEO, Memorial Sloan-Kettering Cancer Center
DNK Topsøe, Jakob Haldor Partner, AMBROX Capital A/S
FIN Urpilainen, Jutta Minister of Finance
CHE Vasella, Daniel L. Honorary Chairman, Novartis AG
GBR Voser, Peter R. CEO, Royal Dutch Shell plc
CAN Wall, Brad Premier of Saskatchewan
SWE Wallenberg, Jacob Chairman, Investor AB
USA Warsh, Kevin Distinguished Visiting Fellow, The Hoover Institution, Stanford University
CAN Weston, Galen G. Executive Chairman, Loblaw Companies Limited
GBR Williams of Crosby, Shirley Member, House of Lords
GBR Wolf, Martin H. Chief Economics Commentator, The Financial Times
USA Wolfensohn, James D. Chairman and CEO, Wolfensohn and Company
GBR Wright, David Vice Chairman, Barclays plc
INT Zoellick, Robert B. Distinguished Visiting Fellow, Peterson Institute for International Economics

AUT Austria INT International
BEL Belgium IRL Ireland
CAN Canada ITA Italy
CHE Switzerland NLD Netherlands
DEU Germany NOR Norway
DNK Denmark POL Poland
ESP Spain PRT Portugal
FIN Finland SWE Sweden
FRA France TUR Turkey
GBR Great Britain USA United States of America
GRC Greece

Bilderberg Agenda
The 61st Bilderberg meeting is set to take place from 6 until 9 June 2013 in Hertfordshire, UK. A total of around 140 participants from 21 European and North American countries have confirmed their attendance. As ever, a diverse group of political leaders and experts from industry, finance, academia and the media have been invited. The list of participants is available on www.bilderbergmeetings.org
The key topics for discussion this year include:
• Can the US and Europe grow faster and create jobs?
• Jobs, entitlement and debt
• How big data is changing almost everything
• Nationalism and populism
• US foreign policy
• Africa’s challenges
• Cyber warfare and the proliferation of asymmetric threats
• Major trends in medical research
• Online education: promise and impacts
• Politics of the European Union
• Developments in the Middle East
• Current affairs
Founded in 1954, Bilderberg is an annual conference designed to foster dialogue between Europe and North America.
Every year, between 120-150 political leaders and experts from industry, finance, academia and the media are invited to take part in the conference. About two thirds of the participants come from Europe and the rest from North America; one third from politics and government and the rest from other fields.
The conference has always been a forum for informal, off-the-record discussions about megatrends and the major issues facing the world. Thanks to the private nature of the conference, the participants are not bound by the conventions of office or by pre-agreed positions. As such, they can take time to listen, reflect and gather insights.
There is no detailed agenda, no resolutions are proposed, no votes are taken, and no policy statements are issued.

3. IL BILDERBERG TORNA A LONDRA, A SPESE DEI CONTRIBUENTI

Dall’articolo de “Il Fatto Quotidiano”

Dentro, c’è il fior fiore della finanza e dell’imprenditoria privata mondiale. Ma a mettere mano al portafogli, questa volta, per garantirne la sicurezza e l’incolumità, dovranno essere paradossalmente i contribuenti britannici.

Per quanto si sforzi, al solito, di mantenere il massimo della segretezza intorno alla propria attività, il misteriosi Club Bilderberg – la “setta” dei potenti della terra – scatena, ogni volta di più, sospetti e polemiche. Mercoledì, per il tradizionale meeting annuale, si riuniranno a Watford, nell’Hertfordshire, alle porte di Londra (è il ritorno nel Regno Unito dopo 15 anni), in un iper-esclusivo hotel, The Grove, con Spa e golf a 18 buche.

Considerate le proteste recenti, nel 2011 a Saint Moritz e, 12 mesi fa, a Chantilly, in Virginia, negli Usa, le autorità britanniche sono in stato di massima allerta. La polizia locale avrebbe già informato il ministero dell’Interno dei possibili “costi imprevisti o eccezionali” da sostenere per eventuali manifestazioni di gruppi anarchici e anti-sistema. Intorno al grande parco che circonda The Grove verrà installata un’alta recinzione d’acciaio per tenere lontani i malintenzionati. [a.op.]

via dagospia

 

 

Bilderberg group – il mondo è loro

Giovedì, 5 Agosto 2010

Sitges è una cittadina deliziosa a 40 km dal centro di Barcellona. Gode di un clima mite dodici mesi all’anno, e d’estate le sue spiagge sono prese d’assalto dai giovani di tutta Europa. Dovendo scegliere un albergo qui, il “Dolce” è sicuramente il migliore: posto su una collina a pochi metri dal Terramar Golf Club, l’hotel domina tutta la baia e la vista dalle stanze è mozzafiato. Non è un caso, insomma, se lo scorso giugno 130 personalità della politica e dell’economia – membri dell’elitario Bilderberg Group – hanno deciso di alloggiare in questo resort esclusivo, per tre giorni e tre notti. Non ne sapevate nulla? Non preoccupatevi: cura degli interessati è proprio che se ne parli il meno possibile. Se però metti insieme uomini del calibro di Joaquín Almunia, Bill Gates, Henry Kissinger, Javier Solana, José Zapatero, le regine di Olanda e Spagna, il CEO del Washington Post, l’editore capo dell’Economist, alcuni italiani che contano (tra cui Franco Bernabè, Mario Monti, John Elkann e Paolo Scaroni) – il tutto sotto la vigilanza di centinaia di agenti della polizia catalana – è difficile che non trapeli qualcosa.

Lo scrittore inglese Charlie Skelton, ad esempio, si è recato appositamente a Sitges e ha raccontato l’esperienza ai lettori del “Guardian”, partendo dal presupposto che gli annuali incontri del Bilderberg Group sono una cosa molto seria: “Nessuno – osserva Skelton – spende 10 milioni per garantire la sicurezza di un torneo di ping pong”. La segretezza resta l’imperativo del Club, ma nel mondo delle comunicazioni di massa anche il Bilderberg ha dovuto adattarsi: niente accrediti stampa, niente comunicati finali ma – a differenza di quanto accadeva un tempo – oggi sappiamo almeno quali sono i temi all’ordine del giorno. Nel caso di Sitges, 58° meeting annuale del Gruppo, i potenti si sono confrontati sulla riforma finanziaria, sulla sicurezza globale, sull’energia, sul riscaldamento globale, sulle nuove tecnologie e sulla situazione politica di Afghanistan e Pakistan. “I partecipanti – si legge nella stringata scheda di presentazione del meeting – sono circa 130: due terzi provengono dall’Europa, i rimanenti dal Nord America; un terzo proviene dal mondo della politica, due terzi dalla finanza, dall’industria, dal lavoro, dall’educazione e dalle comunicazioni. Il meeting è privato, per incoraggiare e favorire una discussione aperta e franca”. Correva l’anno 1954. Forse è il caso di fare un passo indietro. Cos’è il Bilderberg Group? Chi ne fa parte? Nel 2006, su “Il Foglio”, Fabio Dal Boni parla di un gruppo di “150 persone fra teste coronate e menti illuminate, capitani di industria e influenti cardinali di istituzioni che ogni anno, nel più assoluto riserbo, rinnovano un esercizio fondato nel 1954 da David Rockfeller e dal principe Bernardo d’Olanda”. Obiettivo? “Discutere (secondo alcuni, pianificare) degli orizzonti economici, politici e sociali dell’umanità”. Il primo meeting annuale si svolge tra il 29 e il 31 maggio 1954 ad Arnhem, in Olanda, all’Hotel De Bilderberg (da qui il nome del Club): tra i promotori, insieme a Rockfeller e al principe olandese, figurano il polacco Józef Retinger e il primo ministro belga Paul van Zeeland. L’idea è quella di mettere insieme svariate personalità del mondo libero, lontane dai riflettori, per discutere di politica internazionale e in particolare – siamo a metà degli anni cinquanta – dell’atteggiamento da tenere nei confronti dell’Unione Sovietica. L’incontro ha successo, e gli organizzatori lo rendono un appuntamento fisso costituendo un Comitato permanente, con l’incarico di organizzare i meeting e di invitare, ogni anno, esponenti di spicco della politica, dell’economia, dell’industria occidentale. Nato per far fronte alle minacce della Guerra Fredda, il Bilderberg Group non si scioglie nemmeno in seguito alla caduta del Muro di Berlino. L’estinzione del comunismo, del resto, apre a molte altre questioni: dalla costituzione dell’Europa unita al terrorismo di matrice islamica, dalle sfide della globalizzazione alla corsa iraniana al nucleare. Ecco perché, ogni anno, i membri della Commissione permanente – insieme a diversi ospiti – si riuniscono per discutere dei temi contemporanei più delicati. Nel corso degli anni l’Italia ha sempre avuto un ruolo importante, ospitando diversi meeting del Bilderberg (Fiuggi, 1957; Cernobbio, 1965 e 1987; Stresa, 2004) e fornendo alla Commissione numerosi membri: i fratelli Agnelli, Romano Prodi, Renato Ruggiero e gli “attuali” Mario Monti, Tommaso Padoa-Schioppa, Franco Bernabé. Sempre su “Il Foglio”, Carlo Rossella – titolare della rubrica “Alta società” – ha ricordato gli “indimenticabili meeting” degli anni novanta, con “Gianni e Umberto Agnelli, Henry Kissinger, il generale Powell, Conrad Black, la regina d’Olanda, Felipe di Spagna, il principe Filippo e Hillary Clinton, golosa di gelato alla vaniglia”: dal 2000 in poi, “meno vip e più altissimi funzionari”. Intervistato dalla BBC nel 2005, l’attuale capo della Commissione permanente Étienne Davignon ha descritto il Bilderberg come una sorta di social network dei potenti: “Si tratta di persone che hanno una certa influenza interessate a parlare con altre persone che hanno una certa influenza. Il gruppo Bliderberg non vuole giungere a delle conclusioni, non dice mai ‘dovremmo fare così’. Ognuno se ne va con il suo punto di vista e questo aiuta affinché il dibattito sia completamente aperto, e abbastanza franco”. Un ruolo cruciale, in questo club esclusivo, lo ha giocato Giovanni Agnelli: “Sia alle riunioni del Bilderberg che a quelle della Commissione Trilaterale, alle quali, entrambe, mi introdusse, ho toccato con mano come fosse lui il vero riferimento internazionale dell’Italia – ha ricordato Mario Monti nel 2003, in un’intervista a Danilo Taino del “Corriere della Sera” – Ha dato un enorme credito al Paese”. Altri connazionali, non facenti parte della Commissione permanente, hanno partecipato ai meeting su invito: Giulio Tremonti, Emma Bonino, Mario Draghi, Carlo Rossella e Francesco Giavazzi sono solo alcuni degli italiani che hanno presenziato alle riservatissime sessioni del Bilderberg Club. Un governo mondiale? L’alone di mistero che circonda il Bilderberg Group ha dato il là a una lunga serie di critiche, supposizioni e fantasie. Secondo alcuni, i potenti si riunirebbero ogni anno per pianificare la politica e l’economia mondiale, e molti eventi degli anni passati – dall’elezione di Bill Clinton all’oscillazione del prezzo del petrolio – si sarebbero verificati sotto mandato indiretto del Club. Tra i più fieri oppositori del Gruppo c’è l’eurodeputato della Lega Nord Mario Borghezio, secondo il quale Bilderberg e Commissione Trilaterale altro non sarebbero che “gruppi occulti che si riuniscono a porte chiuse e decidono sulla pelle e sulla testa dei popoli”. Lo scorso luglio Borghezio ha presentato un’interrogazione parlamentare, e – intervistato da “Affaritaliani.it” – ha ricordato che “Herman Van Rompuy era uno sconosciuto: viene invitato a una riunione del Club Bilderberg e qualche giorno dopo viene eletto presidente Ue”. E non è l’unico caso: “Personaggi che erano signori nessuno, pensiamo a Clinton, improvvisamente fanno carriere folgoranti”, continua Borghezio, convinto che “un club segreto, una super massoneria, dà le direttive a quelli che ci governano”. Già, ma con quale scopo? “Ha un obiettivo mondialista, un potere finanziario che decide al di sopra dei governi”. Dopo l’incontro di Sitges, Borghezio ha invitato al parlamento europeo Daniel Estulin, l’uomo che – dopo anni di studi e ricerche – ha rilanciato in grande stile teorie inquietanti sul “governo mondiale” con un bestseller tradotto in decine di lingue (“Il Club Bilderberg”, Arianna editrice). “L’Occidentale” lo ha contattato: Estulin – troppo impegnato per un’intervista – ci ha inviato un documento redatto appositamente per la stampa, e contenente risposte alle domande che gli vengono rivolte più frequentemente. Secondo lo scrittore, “al centro sistema finanziario globale c’è un’oligarchia finanziaria rappresentata dal Bilderberg Group”, e ogni meeting annuale – al quale partecipa l’élite europea e nordamericana – ha lo scopo di individuare “il modo migliore per gestire il pianeta”. Come? Creando un network globale di grandi cartelli, “più potente di qualsiasi nazione sulla terra”, e destinato “a controllare la vita del resto dell’umanità”. Secondo Estulin, scopo ultimo del Bilderberg è giungere “a una rivoluzione senza sangue, ispirata dalle classi alte, che porti a un governo di ‘tecnici’ in cui la politica sia subordinata all’economia internazionale”. Follie? Molti pensano di sì, ma altrettanti sono quelli che comprano il libro di Estulin e restano affascinati dalle storie che racconta. Una, contenuta nel documento che ci ha inviato, riguarda Barack Obama: l’attuale presidente degli Stati Uniti avrebbe partecipato all’incontro di Chantilly (Virginia) del maggio 2008, e avrebbe ricevuto il “via libera” all’elezione direttamente da David Rockfeller e da altri membri americani del Bilderberg. Sia chiaro, i critici di Estulin hanno molte frecce al loro arco: quando parla di sé, lo scrittore dice solo di essere “nipote di un colonello del KGB”, e proprio tale la parentela gli avrebbe permesso di conoscere diversi membri dei servizi segreti mondiali; per ovvi motivi, poi, lo scrittore tiene la bocca cucita anche sulle fonti e sui contatti che lo hanno aiutato nell’indagine sul Club dei potenti. Certo è che la segretezza dei meeting non fa che accrescere il mistero – e l’aura mitica – che avvolge le elitarie conferenze del Bilderberg Group, nell’attesa di sapere quando – e dove – si riuniranno nuovamente i grandi della terra. Sotto l’occhio attento di Estulin.(l, meneghel l’occidentale) nel blog altri post sul tema

Bilderberg ossia la piramide del potere mondiale: i partecipanti al summit 2007

Sabato, 9 Giugno 2007

Ecco la lista dei partecipanti al summit 2007 del Bilderberg, che secondo i complottisti il network nel quale si decidono i destini del mondo. Ci sono 5 italiani: un ministro, un ex ministro ora all’opposizione, un ex commissario UE ora riserva della repubblica, un manager che in passato si è occupato di servizi segreti, un giovane manager il cui brillante futuro sembra ora nelle mani dei tribunali: indovinate chi sono

George Alogoskoufis, Minister of Economy and Finance (Greece); Ali Babacan, Minister of Economic Affairs (Turkey); Edward Balls, Economic Secretary to the Treasury (UK); Francisco Pinto Balsemão, Chairman and CEO, IMPRESA, S.G.P.S.; Former Prime Minister (Portugal); José M. Durão Barroso, President, European Commission (Portugal/International); Franco Bernabé, Vice Chariman, Rothschild Europe (Italy); Nicolas Beytout, Editor-in-Chief, Le Figaro (France); Carl Bildt, Former Prime Minister (Sweden); Hubert Burda, Publisher and CEO, Hubert Burda Media Holding (Belgium); Philippe Camus, CEO, EADS (France); Henri de Castries, Chairman of the Management Board and CEO, AXA (France); Juan Luis Cebrian, Grupo PRISA media group (Spain); Kenneth Clark, Member of Parliament (UK); Timothy C. Collins, Senior Managing Director and CEO, Ripplewood Holdings, LLC (USA); Bertrand Collomb, Chairman, Lafarge (France); George A. David, Chairman, Coca-Cola H.B.C. S.A. (USA); Kemal Dervis, Administrator, UNDP (Turkey); Anders Eldrup, President, DONG A/S (Denmark); John Elkann, Vice Chairman, Fiat S.p.A (Italy); Martin S. Feldstein, President and CEO, National Bureau of Economic Research (USA); Timothy F. Geithner, President and CEO, Federal Reserve Bank of New York (USA); Paul A. Gigot, Editor of the Editorial Page, The Wall Street Journal (USA); Dermot Gleeson, Chairman, AIB Group (Ireland); Donald E. Graham, Chairman and CEO, The Washington Post Company (USA); Victor Halberstadt, Professor of Economics, Leiden University; Former Honorary Secretary General of Bilderberg Meetings (the Netherlands); Jean-Pierre Hansen, CEO, Suez-Tractebel S.A. (Belgium); Richard N. Haass, President, Council on Foreign Relations (USA); Richard C. Holbrooke, Vice Chairman, Perseus, LLC (USA); Jaap G. Hoop de Scheffer, Secretary General, NATO (the Netherlands/International); Allan B. Hubbard, Assistant to the President for Economic Policy, Director National Economic Council (USA); Josef Joffe, Publisher-Editor, Die Zeit (Germany); James A. Johnson, Vice Chairman, Perseus, LLC (USA); Vernon E. Jordan, Jr., Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC (USA); Anatole Kaletsky, Editor at Large, The Times (UK); John Kerr of Kinlochard, Deputy Chairman, Royal Dutch Shell plc (the Netherlands); Henry A. Kissinger, Chairman, Kissinger Associates (USA); Mustafa V. Koç, Chariman, Koç Holding A.S. (Turkey); Fehmi Koru, Senior Writer, Yeni Safek (Turkey); Bernard Kouchner, Minister of Foreign Affairs (France); Henry R. Kravis, Founding Partner, Kohlberg Kravis Roberts & Co. (USA); Marie-Josée Kravis, Senior Fellow, Hudson Institute, Inc. (USA); Neelie Kroes, Commissioner, European Commission (the Netherlands/International); Ed Kronenburg, Director of the Private Office, NATO Headquarters (International); William J. Luti, Special Assistant to the President for Defense Policy and Strategy, National Security Council (USA); Jessica T. Mathews, President, Carnegie Endowment for International Peace (USA); Frank McKenna, Ambassador to the US, member Carlyle Group (Canada); Thierry de Montbrial, President, French Institute for International Relations (France); Mario Monti, President, Universita Commerciale Luigi Bocconi (Italy); Craig J. Mundie, Chief Technical Officer Advanced Strategies and Policy, Microsoft Corporation (USA); Egil Myklebust, Chairman of the Board of Directors SAS, Norsk Hydro ASA (Norway); Matthias Nass, Deputy Editor, Die Zeit (Germany); Adnrzej Olechowski, Leader Civic Platform (Poland); Jorma Ollila, Chairman, Royal Dutch Shell plc/Nokia (Finland); George Osborne, Shadow Chancellor of the Exchequer (UK); Tommaso Padoa-Schioppa, Minister of Finance (Italy); Richard N. Perle, Resident Fellow, American Enterprise Institute for Public Policy Research (USA); Heather Reisman, Chair and CEO, Indigo Books & Music Inc. (Canada); David Rockefeller (USA); Matías Rodriguez Inciarte, Executive Vice Chairman, Grupo Santander Bank, (Spain); Dennis B. Ross, Director, Washington Institute for Near East Policy (USA); Otto Schily, Former Minister of Interior Affairs; Member of Parliament; Member of the Committee on Foreign Affairs (Germany); Jürgen E. Schrempp, Former Chairman of the Board of Management, DaimlerChrysler AG (Germany); Tøger Seidenfaden, Executive Editor-in-Chief, Politiken (Denmark); Peter D. Sutherland, Chairman, BP plc and Chairman, Goldman Sachs International (Ireland); Giulio Tremonti, Vice President of the Chamber of Deputies (Italy); Jean-Claude Trichet, Governor, European Central Bank (France/International); John Vinocur, Senior Correspondent, International Herald Tribune (USA); Jacob Wallenberg, Chairman, Investor AB (Sweden); Martin H. Wolf, Associate Editor and Economics Commentator, The Financial Times (UK); James D. Wolfensohn, Special Envoy for the Gaza Disengagement (USA); Robert B. Zoellick, Deputy Secretary of State (USA); Klaus Zumwinkel, Chairman of the Board of Management, Deutsche Post AG (USA); Adrian D. Wooldridge, Foreign Correspondent, The Economist.
Riferimenti: tratta dal sito: Il nautilus