Articolo taggato ‘dagospia’

Tutti al Bilderberg

Martedì, 4 Giugno 2013

1. DAGOREPORT – I MAGNIFICI CINQUE DEL BILDERBERG 2012: BERNABE’, GRUBER, ELKANN, CONTI E IL PREMIER ENRICO LETTA
Chissà se venerdì scorso, prima di iniziare l’ospitata negli studi de La7, Franco Bernabé ha concordato con Lilli Gruber la trasferta londinese di mercoledì all’appuntamento annuale del Gruppo Bilderberg.

Nelle liste di partecipanti, più o meno ufficiose, che si trovano in rete, infatti, figurano cinque italiani all’edizione dello scorso anno: il presidente della Telecom e la conduttrice di “Otto e mezzo”, appunto, oltre a Nagel di Mediobanca, Cucchiani di Intesa, Rocca di Techint e Mario Monti, assenti il presidente della Fiat John Elkann, l’ad dell’Enel Fulvio Conti e l’attuale premier in carica, Enrico Letta. All’ultima edizione, dopo che non aveva mancato un appuntamento per diversi anni, non ha invece partecipato Mario Monti, diventato presidente del Consiglio.

2. BREAKING: OFFICIAL BILDERBERG ATTENDEE LIST RELEASED
http://www.infowars.com/breaking-official-bilderberg-attendee-list-released/

June 3, 2013
Here is the official list of attendees for the upcoming Bilderberg meeting at The Grove in Watford, England, as well as the agenda.
Hertfordshire, England 6-9 June 2013
Current list of Participants
Status 3 June 2013

Chairman
FRA Castries, Henri de Chairman and CEO, AXA Group

DEU Achleitner, Paul M. Chairman of the Supervisory Board, Deutsche Bank AG
DEU Ackermann, Josef Chairman of the Board, Zurich Insurance Group Ltd
GBR Agius, Marcus Former Chairman, Barclays plc
GBR Alexander, Helen Chairman, UBM plc
USA Altman, Roger C. Executive Chairman, Evercore Partners
FIN Apunen, Matti Director, Finnish Business and Policy Forum EVA
USA Athey, Susan Professor of Economics, Stanford Graduate School of Business
TUR Ayd?nta?ba?, Asl? Columnist, Milliyet Newspaper
TUR Babacan, Ali Deputy Prime Minister for Economic and Financial Affairs
GBR Balls, Edward M. Shadow Chancellor of the Exchequer
PRT Balsemão, Francisco Pinto Chairman and CEO, IMPRESA
FRA Barré, Nicolas Managing Editor, Les Echos
INT Barroso, José M. Durão President, European Commission
FRA Baverez, Nicolas Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP
FRA Bavinchove, Olivier de Commander, Eurocorps
GBR Bell, John Regius Professor of Medicine, University of Oxford
ITA Bernabè, Franco Chairman and CEO, Telecom Italia S.p.A.
USA Bezos, Jeff Founder and CEO, Amazon.com
SWE Bildt, Carl Minister for Foreign Affairs
SWE Borg, Anders Minister for Finance
NLD Boxmeer, Jean François van Chairman of the Executive Board and CEO, Heineken N.V.
NOR Brandtzæg, Svein Richard President and CEO, Norsk Hydro ASA
AUT Bronner, Oscar Publisher, Der Standard Medienwelt
GBR Carrington, Peter Former Honorary Chairman, Bilderberg Meetings
ESP Cebrián, Juan Luis Executive Chairman, Grupo PRISA
CAN Clark, W. Edmund President and CEO, TD Bank Group
GBR Clarke, Kenneth Member of Parliament
DNK Corydon, Bjarne Minister of Finance
GBR Cowper-Coles, Sherard Business Development Director, International, BAE Systems plc
ITA Cucchiani, Enrico Tommaso CEO, Intesa Sanpaolo SpA
BEL Davignon, Etienne Minister of State; Former Chairman, Bilderberg Meetings
GBR Davis, Ian Senior Partner Emeritus, McKinsey & Company
NLD Dijkgraaf, Robbert H. Director and Leon Levy Professor, Institute for Advanced Study
TUR Dinçer, Haluk President, Retail and Insurance Group, Sabanc? Holding A.S.
GBR Dudley, Robert Group Chief Executive, BP plc
USA Eberstadt, Nicholas N. Henry Wendt Chair in Political Economy, American Enterprise Institute
NOR Eide, Espen Barth Minister of Foreign Affairs
SWE Ekholm, Börje President and CEO, Investor AB
DEU Enders, Thomas CEO, EADS
USA Evans, J. Michael Vice Chairman, Goldman Sachs & Co.
DNK Federspiel, Ulrik Executive Vice President, Haldor Topsøe A/S
USA Feldstein, Martin S. Professor of Economics, Harvard University; President Emeritus, NBER
FRA Fillon, François Former Prime Minister
USA Fishman, Mark C. President, Novartis Institutes for BioMedical Research
GBR Flint, Douglas J. Group Chairman, HSBC Holdings plc
IRL Gallagher, Paul Senior Counsel
USA Geithner, Timothy F. Former Secretary of the Treasury
USA Gfoeller, Michael Political Consultant
USA Graham, Donald E. Chairman and CEO, The Washington Post Company
DEU Grillo, Ulrich CEO, Grillo-Werke AG
ITA Gruber, Lilli Journalist – Anchorwoman, La 7 TV
ESP Guindos, Luis de Minister of Economy and Competitiveness
GBR Gulliver, Stuart Group Chief Executive, HSBC Holdings plc
CHE Gutzwiller, Felix Member of the Swiss Council of States
NLD Halberstadt, Victor Professor of Economics, Leiden University; Former Honorary Secretary General of Bilderberg Meetings
FIN Heinonen, Olli Senior Fellow, Belfer Center for Science and International Affairs, Harvard Kennedy School of Government
GBR Henry, Simon CFO, Royal Dutch Shell plc
FRA Hermelin, Paul Chairman and CEO, Capgemini Group
ESP Isla, Pablo Chairman and CEO, Inditex Group
USA Jacobs, Kenneth M. Chairman and CEO, Lazard
USA Johnson, James A. Chairman, Johnson Capital Partners
CHE Jordan, Thomas J. Chairman of the Governing Board, Swiss National Bank
USA Jordan, Jr., Vernon E. Managing Director, Lazard Freres & Co. LLC
USA Kaplan, Robert D. Chief Geopolitical Analyst, Stratfor
USA Karp, Alex Founder and CEO, Palantir Technologies
GBR Kerr, John Independent Member, House of Lords
USA Kissinger, Henry A. Chairman, Kissinger Associates, Inc.
USA Kleinfeld, Klaus Chairman and CEO, Alcoa
NLD Knot, Klaas H.W. President, De Nederlandsche Bank
TUR Koç, Mustafa V. Chairman, Koç Holding A.S.
DEU Koch, Roland CEO, Bilfinger SE
USA Kravis, Henry R. Co-Chairman and Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.
USA Kravis, Marie-Josée Senior Fellow and Vice Chair, Hudson Institute
CHE Kudelski, André Chairman and CEO, Kudelski Group
GRC Kyriacopoulos, Ulysses Chairman, S&B Industrial Minerals S.A.
INT Lagarde, Christine Managing Director, International Monetary Fund
DEU Lauk, Kurt J. Chairman of the Economic Council to the CDU, Berlin
USA Lessig, Lawrence Roy L. Furman Professor of Law and Leadership, Harvard Law School; Director, Edmond J. Safra Center for Ethics, Harvard University
BEL Leysen, Thomas Chairman of the Board of Directors, KBC Group
DEU Lindner, Christian Party Leader, Free Democratic Party (FDP NRW)
SWE Löfven, Stefan Party Leader, Social Democratic Party (SAP)
DEU Löscher, Peter President and CEO, Siemens AG
GBR Mandelson, Peter Chairman, Global Counsel; Chairman, Lazard International
USA Mathews, Jessica T. President, Carnegie Endowment for International Peace
CAN McKenna, Frank Chair, Brookfield Asset Management
GBR Micklethwait, John Editor-in-Chief, The Economist
FRA Montbrial, Thierry de President, French Institute for International Relations
ITA Monti, Mario Former Prime Minister
USA Mundie, Craig J. Senior Advisor to the CEO, Microsoft Corporation
ITA Nagel, Alberto CEO, Mediobanca
NLD Netherlands, H.R.H. Princess Beatrix of The
USA Ng, Andrew Y. Co-Founder, Coursera
FIN Ollila, Jorma Chairman, Royal Dutch Shell, plc
GBR Omand, David Visiting Professor, King’s College London
GBR Osborne, George Chancellor of the Exchequer
USA Ottolenghi, Emanuele Senior Fellow, Foundation for Defense of Democracies
TUR Özel, Soli Senior Lecturer, Kadir Has University; Columnist, Habertürk Newspaper
GRC Papahelas, Alexis Executive Editor, Kathimerini Newspaper
TUR Pavey, ?afak Member of Parliament (CHP)
FRA Pécresse, Valérie Member of Parliament (UMP)
USA Perle, Richard N. Resident Fellow, American Enterprise Institute
USA Petraeus, David H. General, U.S. Army (Retired)
PRT Portas, Paulo Minister of State and Foreign Affairs
CAN Prichard, J. Robert S. Chair, Torys LLP
INT Reding, Viviane Vice President and Commissioner for Justice, Fundamental Rights and Citizenship, European Commission
CAN Reisman, Heather M. CEO, Indigo Books & Music Inc.
FRA Rey, Hélène Professor of Economics, London Business School
GBR Robertson, Simon Partner, Robertson Robey Associates LLP; Deputy Chairman, HSBC Holdings
ITA Rocca, Gianfelice Chairman,Techint Group
POL Rostowski, Jacek Minister of Finance and Deputy Prime Minister
USA Rubin, Robert E. Co-Chairman, Council on Foreign Relations; Former Secretary of the Treasury
NLD Rutte, Mark Prime Minister
AUT Schieder, Andreas State Secretary of Finance
USA Schmidt, Eric E. Executive Chairman, Google Inc.
AUT Scholten, Rudolf Member of the Board of Executive Directors, Oesterreichische Kontrollbank AG
PRT Seguro, António José Secretary General, Socialist Party
FRA Senard, Jean-Dominique CEO, Michelin Group
NOR Skogen Lund, Kristin Director General, Confederation of Norwegian Enterprise
USA Slaughter, Anne-Marie Bert G. Kerstetter ’66 University Professor of Politics and International Affairs, Princeton University
IRL Sutherland, Peter D. Chairman, Goldman Sachs International
GBR Taylor, Martin Former Chairman, Syngenta AG
INT Thiam, Tidjane Group CEO, Prudential plc
USA Thiel, Peter A. President, Thiel Capital
USA Thompson, Craig B. President and CEO, Memorial Sloan-Kettering Cancer Center
DNK Topsøe, Jakob Haldor Partner, AMBROX Capital A/S
FIN Urpilainen, Jutta Minister of Finance
CHE Vasella, Daniel L. Honorary Chairman, Novartis AG
GBR Voser, Peter R. CEO, Royal Dutch Shell plc
CAN Wall, Brad Premier of Saskatchewan
SWE Wallenberg, Jacob Chairman, Investor AB
USA Warsh, Kevin Distinguished Visiting Fellow, The Hoover Institution, Stanford University
CAN Weston, Galen G. Executive Chairman, Loblaw Companies Limited
GBR Williams of Crosby, Shirley Member, House of Lords
GBR Wolf, Martin H. Chief Economics Commentator, The Financial Times
USA Wolfensohn, James D. Chairman and CEO, Wolfensohn and Company
GBR Wright, David Vice Chairman, Barclays plc
INT Zoellick, Robert B. Distinguished Visiting Fellow, Peterson Institute for International Economics

AUT Austria INT International
BEL Belgium IRL Ireland
CAN Canada ITA Italy
CHE Switzerland NLD Netherlands
DEU Germany NOR Norway
DNK Denmark POL Poland
ESP Spain PRT Portugal
FIN Finland SWE Sweden
FRA France TUR Turkey
GBR Great Britain USA United States of America
GRC Greece

Bilderberg Agenda
The 61st Bilderberg meeting is set to take place from 6 until 9 June 2013 in Hertfordshire, UK. A total of around 140 participants from 21 European and North American countries have confirmed their attendance. As ever, a diverse group of political leaders and experts from industry, finance, academia and the media have been invited. The list of participants is available on www.bilderbergmeetings.org
The key topics for discussion this year include:
• Can the US and Europe grow faster and create jobs?
• Jobs, entitlement and debt
• How big data is changing almost everything
• Nationalism and populism
• US foreign policy
• Africa’s challenges
• Cyber warfare and the proliferation of asymmetric threats
• Major trends in medical research
• Online education: promise and impacts
• Politics of the European Union
• Developments in the Middle East
• Current affairs
Founded in 1954, Bilderberg is an annual conference designed to foster dialogue between Europe and North America.
Every year, between 120-150 political leaders and experts from industry, finance, academia and the media are invited to take part in the conference. About two thirds of the participants come from Europe and the rest from North America; one third from politics and government and the rest from other fields.
The conference has always been a forum for informal, off-the-record discussions about megatrends and the major issues facing the world. Thanks to the private nature of the conference, the participants are not bound by the conventions of office or by pre-agreed positions. As such, they can take time to listen, reflect and gather insights.
There is no detailed agenda, no resolutions are proposed, no votes are taken, and no policy statements are issued.

3. IL BILDERBERG TORNA A LONDRA, A SPESE DEI CONTRIBUENTI

Dall’articolo de “Il Fatto Quotidiano”

Dentro, c’è il fior fiore della finanza e dell’imprenditoria privata mondiale. Ma a mettere mano al portafogli, questa volta, per garantirne la sicurezza e l’incolumità, dovranno essere paradossalmente i contribuenti britannici.

Per quanto si sforzi, al solito, di mantenere il massimo della segretezza intorno alla propria attività, il misteriosi Club Bilderberg – la “setta” dei potenti della terra – scatena, ogni volta di più, sospetti e polemiche. Mercoledì, per il tradizionale meeting annuale, si riuniranno a Watford, nell’Hertfordshire, alle porte di Londra (è il ritorno nel Regno Unito dopo 15 anni), in un iper-esclusivo hotel, The Grove, con Spa e golf a 18 buche.

Considerate le proteste recenti, nel 2011 a Saint Moritz e, 12 mesi fa, a Chantilly, in Virginia, negli Usa, le autorità britanniche sono in stato di massima allerta. La polizia locale avrebbe già informato il ministero dell’Interno dei possibili “costi imprevisti o eccezionali” da sostenere per eventuali manifestazioni di gruppi anarchici e anti-sistema. Intorno al grande parco che circonda The Grove verrà installata un’alta recinzione d’acciaio per tenere lontani i malintenzionati. [a.op.]

via dagospia

 

 

Le bugie di Giannino, la meritocrazia italiana

Mercoledì, 20 Febbraio 2013

DAGOREPORT

1. GIANNINO NON È NÉ PLURI-LAUREATO, NÉ HA UN MASTER
Rapido bilancio. Oscar Fulvio Giannino non ha un master alla University of Chicago – Booth School of Business, nella top 5 delle migliori università al mondo in materie economiche. Non ha le due lauree, una in giurisprudenza e una in economia, come era scritto nel suo curriculum. Di laurea, in realtà, non ne ha neanche una: ieri sera, al tg di Mentana su La7, ha detto di aver “dato qualche esame a legge, ma il resto l’ho studiato tutto da solo. Nessun titolo accademico”.

Luigi ZingalesLUIGI ZINGALESUno potrebbe dire: chi se ne frega. E’ un bravo giornalista, ottimo oratore, e quando si è trovato a parlare con economisti “veri” (accademicamente parlando), tutti gli hanno sempre tributato sufficiente autorevolezza. Tanto che Luigi Zingales e Michele Boldrin, due professori ultra-titolati, si sono schierati al suo fianco nella lista “FARE per Fermare il Declino” (e con loro tanti altri capoccioni).

zingales e gianninoZINGALES E GIANNINOPerò, in questo caso, fregarsene è difficile. E non solo perché il movimento di cui Giannino è leader si fonda su meritocrazia, trasparenza e un bel po’ di malcelato senso di superiorità professorale. Ma perché il giornalista Oscar Fulvio Giannino nelle ultime 48 ore ha cominciato ad assomigliare a Frank Abagnale Jr., il geniale truffatore che ha ispirato “Prova a prendermi” di Spielberg, in cui Leonardo Di Caprio costruisce una serie di identità fasulle grazie alla sua grande intelligenza, alla sua faccia di bronzo, e al fatto che negli anni ’60 era tutto più semplice. Ma forse, anche nell’era di internet, non è cambiato poi così tanto.

LADDIO DI ZINGALES A OSCAR GIANNINOLADDIO DI ZINGALES A OSCAR GIANNINO2. CHI È OSCAR GIANNINO – LE BUGIE SUL CURRICULUM
Oscar Giannino, un passato nel partito repubblicano al fianco di Giorgio La Malfa, dagli anni ’90 a oggi si è occupato soprattutto di giornalismo economico (ma, come vedremo, non solo). Dopo aver lasciato “Libero” nel 2009, ha fondato un blog. E qui comincia l’avventura, almeno quella di cui parleremo, del nostro Giannino-Abagnale.

Come l’ha chiamato questo sito? “Chicago Blog”, in onore all’Università-feticcio della teoria economica moderna, dove Giannino ha più volte raccontato di aver studiato. Si possono  by Browse to Save” href=”http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/1-giannino-nessuno-e-centomila-oscar-non-ha-un-master-non-ha-le-due-51207.htm#”>scaricare i “Chicago Podcast”, ricevere le “Chicago Newsletter”, rispondere ai “Chicago Sondaggi”, spulciare il “Chicago Archivio”. Quasi un’ossessione.

LADDIO DI ZINGALES A OSCAR GIANNINOLADDIO DI ZINGALES A OSCAR GIANNINOE chi finanzia il “Chicago Blog”? L’Istituto Bruno Leoni (IBL). Altra mecca dei liberal-liberisti, diretto da Alberto Mingardi.

Giannino è “senior fellow” dell’IBL, e proprio il suo curriculum “taroccato” sul sito ha scatenato il bordello che ha portato alle dimissioni di Zingales e, 48 ore dopo, dello stesso Giannino (le ha annunciate, la Direzione deve accettarle). Il cv è stato prontamente “ripulito”, ma qui vi offriamo la versione originale, quella che si trovava fino a due giorni fa, inclusiva di lauree e master.

Non solo. La stessa faccenda dell’IBL si ripete anche con “Capo Horn” rivista (oh yes) economica, diretta (of course) da Giannino. Se andate ora sul sito, non c’è traccia di titoli accademici nella scheda del direttore. Ma se andate indietro nel 2010, nella cache di Google (santa cache di Google!), ecco rispuntare, nella vecchia versione della stessa pagina: “Oscar Giannino. Lauree: giurisprudenza, economia. Degree: Corporate Finance; Public Finance; at Chicago Booth Business School, Chicago University”.

3. DOPO QUELLO DI “REPUBBLICA”, ALTRI DUE VIDEO “SCHIACCIANTI”: GIANNINO RACCONTA ANEDDOTI SULLE SUE LEZIONI AL MASTER DI CHICAGO-BOOTH (NEL 2008 E 2012)
Completano il quadro due video segnalati al “Post.it”. Che si aggiungono a quello di “Repubblica TV” che per primo ha sbugiardato il giornalista, mettendolo davanti alla frase sul master a Chicago, detta lo scorso 5 febbraio, a testa bassa e biascicando le parole. Roba che Tim Roth in “Lie to Me” lo beccava in tre secondi.

Michele BoldrinMICHELE BOLDRINVIDEO: REPUBBLICA TV – “ZINGALES INSEGNA A CHICAGO, DOVE HO PRESO IL MASTER”
http://video.repubblica.it/dossier/elezioni-politiche-2013/giannino-soli-perche-monti-ha-ceduto-a-fini-e-casini/118437/116906

Quella frase non era la sbruffonata di un ego un po’ troppo sviluppato, come molti amici di Giannino hanno voluto (sperato di) credere. Era il sigillo finale su una menzogna che andava avanti in modo molto, molto articolato e studiato, da almeno 5 anni.

Nel primo filmato, siamo nel passato prossimo. Era il 1 dicembre 2012, e FARE per Fermare il Declino era già in piena campagna elettorale, con Zingales e tutto il cucuzzaro, quando Giannino parlando al pubblico all’auditorium San Romano di Lucca diceva:

“Il mio amico Luigi, sto parlando di Luigi Zingales, scrive anche per “l’Espresso”, insegna anche all’università Chicago Booth, dove io ho preso il master in Corporate e Public Finance”…

VIDEO 1 – Dal minuto 35:20

Nel secondo filmato, intrattenendo dal podio l’ “Associazione San Michele Valore Impresa” nel lontano 2008, racconta una storia. Leggete (e ascoltate) bene:

“Terzo aneddoto: questo invece l’ho usato nel chiudere il master in Corporate Finance del professor Dallocchio alla SDA Bocconi la settimana scorsa. Trenta studenti straordinari da tutta Europa (…), ho concluso il mio intervento rivolgendomi agli studenti e dicendo: ‘Ricordate sempre quello che disse a me, il primo giorno del mio master a Chicago, quello che poi divenne Nobel…ehhm…Bob Arrow! Diceva: “La distinzione è che chi ha un titolo di studio inferiore può, al massimo, se starà male nella vita, rubare nelle carrozze dei treni. Chi ha un master, può rubare un’intera ferrovia’”.

OSCAR GIANNINO E SILVIO BERLUSCONIOSCAR GIANNINO E SILVIO BERLUSCONIEcco, questa è la parte più delicata del puzzle. Perché, schivando facili ironie e spicciole psicologie sullo scegliere una storia in cui si parla di “chi ha il diploma e chi ha il master”, ci sono vari elementi invisibili all’occhio umano, ma che sono un pugno per chi abbia dei minimi rudimenti di storia dell’economia.

Cominciamo col dire che non esiste nessun Bob Arrow. Esiste Kenneth Arrow, famosissimo economista, teorico di scienza delle finanze e scienze politiche. Vabbè, si dirà, è solo un nome sbagliato. No, perché dicendo “quello che poi divenne Nobel”, sottintende che il Nobel l’ha preso dopo aver insegnato al fantomatico master.

OSCAR GIANNINO S INCATENA A PORTA A PORTAOSCAR GIANNINO S INCATENA A PORTA A PORTAMentre Arrow il Nobel l’ha preso nel 1972, quando Giannino aveva 11 anni. Ok, un lapsus. No, perché Arrow ha insegnato, come assistente universitario, solo due anni a Chicago. Nel 1948-49, e mai in un master. In seguito, la sua carriera si è svolta principalmente tra Stanford e Harvard. Quindi non è manco uno dei professori che compongono la sua amatissima e veneratissima “Chicago School”, su cui vanta una profonda conoscenza.

Questa citazione – che potrebbe pure essere vera, visto il campo di ricerca di Arrow – è una tecnica tipica del cazzaro di professione, del pokerista consumato. Ricordare con affetto un imprecisato momento del passato (il master) fornendo una serie di dati di appoggio difficili da verificare ma abbastanza verosimili (il professore, il Nobel), e rinfrescarli con una pezza d’appoggio vera e verificabile (Maurizio Dallocchio insegna davvero alla SDA Bocconi), nel presente (una settimana fa).

L’intervento è stato pubblicato anche sul sito dell’Associazione, integralmente, con Bob Arrow e tutto il resto. Lo trovate qui, pag. 146
http://bit.ly/XnN975

VIDEO 2

4. LE BUGIE DEGLI ULTIMI 3 GIORNI
Torniamo a oggi. Ora, a nessuno interessa fare la “character assassination” di Giannino. Ieri Gramellini su “La Stampa” scriveva un divertente corsivo in difesa del povero Oscar, colpevole solo di aver detto una piccola bugia sul master, farfugliata a bassa voce durante un’intervista a Repubblica TV (che non aveva visto nessuno, aggiungiamo). “Giannino non inventa completamente la realtà. La migliora solo un po’. Il master è come un fiore all’occhiello delle sue giacche color formigoni”, scrive in prima pagina Gramellini.

RELATORI DEL MASTER EUNOMIAMASTER A FIRENZE GIANNINO LAUREATO IN ECONOMIARELATORI DEL MASTER EUNOMIAMASTER A FIRENZE GIANNINO LAUREATO IN ECONOMIAOSCAR GIANNINO S INCATENA A PORTA A PORTAOSCAR GIANNINO S INCATENA A PORTA A PORTAMa non è solo questo. Non è solo una spacconata detta a una tv digitale. Questa persona ha costruito un’intera carriera, dal nome del blog ai suoi innumerevoli lavori, intorno a false credenziali di pluri-laureato e “masterizzato” (come dicono i gggiòvani).

Come se non bastasse, e ha ripetutamente mentito quando negli ultimi giorni è stato messo di fronte alla realtà, aggiungendo in modo insensato che non una lira è entrata nelle sue tasche e non un avanzamento di carriera è avvenuto grazie ai suoi falsi titoli. Qui siamo nel campo delle gravissime responsabilità politiche, che Giannino da giornalista ha sempre e giustamente schiaffato in faccia ai suoi interlocutori politici.

LA CHICAGO OBSESSION DI GIANNINOLA CHICAGO OBSESSION DI GIANNINOQui è dove il puzzle è inutile cercare di ricomporlo, perché i pezzi si sbriciolano. Ed è qui che un giornalista deve fare il suo lavoro, cioè presentare i fatti ai suoi lettori cercando di essere più aderente possibile alla realtà. Soprattutto, ripetiamo, questo esercizio va fatto nel caso di un candidato premier che su merito, trasparenza ed eccellenza accademica ha costruito TUTTA la sua piattaforma politica, coinvolgendo ed entusiasmando, tra l’altro, migliaia di studenti universitari.

ISTITUTO BRUNO LEONI IL CURRICULUM DI GIANNINO ANCORA CON MASTER E LAUREEISTITUTO BRUNO LEONI IL CURRICULUM DI GIANNINO ANCORA CON MASTER E LAUREEGiannino lunedì mattina ha detto all’ANSA, dopo lo sputtanamento per opera di Zingales, testuali parole: “Io non ho preso master alla Chicago Booth. Sono andato a Chicago a studiare l’inglese. Bastava chiederlo, e avrei risposto. Sono da decenni giornalista – ricorda ancora Giannino – non ho mai usato presunti titoli accademici, che non ho, per carriere che non mi competono”.

Poi, messo di fronte al video di Repubblica TV, il primo e più innocuo, lunedì sera ha ammesso l’ “errore”. Ma ieri mattina, di nuovo combattivo e incazzoso a ‘Radio Anch’io’ (Radio 1) e ’28 minuti’ (Radio 2), si è trasformato nel tipico politico italiano, che svicola le proprie responsabilità e ha cominciato a chiedersi e a chiedere “chi ci fosse dietro” questo attacco, convinto si tratti di un piano per abbatterlo a pochi giorni dalle elezioni.

CAPO HORN OSCAR GIANNINO CON LAUREE E MASTER INESISTENTICAPO HORN OSCAR GIANNINO CON LAUREE E MASTER INESISTENTINel pomeriggio di ieri però, con la polemica che non si placava, e mentre trapelavano i primi dubbi anche sulle lauree, ha scritto una nota, in cui annunciava che si sarebbe rimesso alla volontà della Direzione del partito. Quello che sembra finalmente un gesto positivo, viene compromesso dal seguito della dichiarazione: “[S]enza mai una sola volta spendere titoli o credenziali che non ho per candidarmi o ottenere cariche, incarichi, pubblicamente o privatamente retribuiti”.

In un’altra dichiarazione, aggiunge: “Anche il curriculum sbagliato sul sito dell’istituto Bruno Leoni è dovuto ad un giovane stagista che ha preso e messo dentro quanto trovato su Wikipedia”.

E di nuovo si torna al cazzaro compulsivo, per l’ultimo giro di documenti che, un’altra volta, smentiscono RADICALMENTE quello che il leader di FARE ha appena detto. Servirebbe la voce di Oscar Giannino quando, la mattina su Radio 24, urlava contro lo “smemorato” popolo italiano che dimentica tutte le bugie dette dai politici.

CONFERENZA A SAN MARINO GIANNINO CON CREDENZIALI FALSECONFERENZA A SAN MARINO GIANNINO CON CREDENZIALI FALSE5. LE BUGIE DEGLI ULTIMI 4 ANNI
Ma non serve l’urlo, basta internet. E’ vero, Giannino non ha mai partecipato a concorsi o assunto incarichi pubblici. Già, perché se l’avesse fatto, avrebbe dovuto presentare i certificati delle sue inesistenti lauree e il “transcript” del suo finto master, e non sarebbe andato molto lontano.

IL CURRICULUM DI GIANNINO SU SUSSIDIARIO PUNTO NET LAUREA IN GIURISPRUDENZAIL CURRICULUM DI GIANNINO SU SUSSIDIARIO PUNTO NET LAUREA IN GIURISPRUDENZAInvece, il giornalista Giannino ha costruito una notevole carriera come “economista per mancanza di prove”, e incassato moltissimi incarichi “privatamente retribuiti”. Tralasciamo gli importanti ruoli nelle pagine economiche di “LiberoMercato” (direttore), “Il Foglio” (responsabile), “Finanza & Mercati” (vicedirettore), “Il Riformista” (vicedirettore). E’ pieno di giornalisti economici che non sono economisti, non è questo il luogo in cui iniziare una simile discussione (e ce ne sarebbe da dire).

IDC BANKING FORUM LAUREE E MASTER FINTI NEL CV DI GIANNINOIDC BANKING FORUM LAUREE E MASTER FINTI NEL CV DI GIANNINOQui interessa l’ambito accademico, congressuale, dove per presentarsi a chi ti ascolta devi sempre, SEMPRE, fornire un curriculum, così che il pubblico possa avere un’idea di chi ha davanti, e capire se i soldi che paga per ascoltarti sono ben spesi.

A cominciare da quel master SDA Bocconi di cui parla nel video. Giannino si sarà presentato come diplomato al liceo davanti a quei 30 studenti che hanno sganciato (collettivamente) centinaia di migliaia di euro per studiare a un master dove si raccontano aneddoti falsi su professori inesistenti?

BANKING SUMMIT CURRICULUM DI OSCAR GIANNINO CON MASTER E LAUREE FINTEBANKING SUMMIT CURRICULUM DI OSCAR GIANNINO CON MASTER E LAUREE FINTEE se davvero è stato insegnante – perché questo non è sicuro – nel tempio dell’economia italiana, le stesse, inesistenti credenziali non sono solamente state “copiate da uno stagista sul sito dell’istituto Bruno Leoni”.

Sono state “copiate” da qualche stagista scemo anche sul sito di Capo Horn nel 2010.

E sono state lette soprattutto dai partecipanti della seguente (minima, per non annoiare) lista di lezioni, interventi, seminari, master, conferenze, che hanno visto Giannino protagonista come oratore, panelist, discussant…chiamatelo come vi pare. Spesso come moderatore e presentatore. Gli eventi elencati si sono svolti in tutta Italia, negli ultimi tre anni, e per molti di essi – continuiamo a immaginare – Giannino avrà ricevuto giusti compensi:

IDC Banking Forum 2012 – Milano 22 novembre 2012 – Il suo cv parla precisamente delle lauree in giurisprudenza ed economia e del Master alla Chicago University Booth School of Business -http://bit.ly/XnMLp0

LA CACHE DI GOOGLE RIVELA IL CURRICULUM DI GIANNINO SU CAPO HORNLA CACHE DI GOOGLE RIVELA IL CURRICULUM DI GIANNINO SU CAPO HORNTop Management forum 2012 – Milano 21 e 22 novembre 2012 – di nuovo lauree e master - http://bit.ly/VH3KHT

Banking Summit 2012 – Milano 20 settembre 2012 – sempre lauree e master http://bit.ly/VH409P

Parmadaily – 7 maggio 2011 – incontro con il sindaco Vignali – lauree e master
http://bit.ly/VHgOwX

San Marino tra Oriente e Occidente – aprile 2011 – stavolta Giannino addirittura “conduce e modera il forum”, dall’alto delle due lauree e master descritti nell’UNICO foglio di presentazione dell’evento -http://bit.ly/VHhdj1

CONFERENZA A SAN MARINO GIANNINO CON CREDENZIALI FALSECONFERENZA A SAN MARINO GIANNINO CON CREDENZIALI FALSEEunomiamaster – Alta Formazione politico-istituzionale – Master a Firenze 2010 – in questo caso si parla solo di laurea in giurisprudenza - http://bit.ly/XnMUJb

Aggiungiamo poi le numerose lezioni e interventi in università italiane, una collaborazione con il sito “ilsussidiario.net”, per il quale ha scritto decine di articoli e nella cui sezione “biografie” troviamo: “nato a Torino nel 1961, laureato in giurisprudenza…”, quindi addirittura come seconda informazione essenziale.

Chiudiamo con la presidenza della giuria del “Premio HYPO innovazione per un sostegno all’imprenditorialità giovanile” dell’Università Carlo Cattaneo.

6. IL “PEZZO DI CARTA” FA COMODO. ANCHE E SOPRATTUTTO AI SELF MADE MEN
Stiamo parlando di una piccola lista ottenuta con una rapida ricerca su Google. Ora, è possibile davvero che negli ultimi 4 anni, in tutti gli eventi a cui ha partecipato, non si sia mai accorto dell’errore? No, non è possibile.

FESTIVAL DI GIORNALISMO CURRICULUM FALSOFESTIVAL DI GIORNALISMO CURRICULUM FALSOPer anni, di giorno e di notte, dal vivo e su internet, un diplomato del liceo si è spacciato non solo per un laureato, ma per un pluri-laureato con super-master (uno dei più prestigiosi al mondo) davanti a migliaia di persone, professori, platee. Giustamente, dice il proverbio, se la devi fare, falla grossa.

OSCAR GIANNINOOSCAR GIANNINOMai, in nessuna di queste occasioni in cui è stato presentato con corredo di titoli, come sempre accade in questi casi, ha alzato la mano per correggere chi lo presentava, o chi ha redatto le brochure, stampate in centinaia di copie e debitamente pubblicate sui siti, per dire: “No, guardate, sono diplomato al liceo, non ho fatto gli ulteriori OTTO anni di studi che servono, come minimo, per ottenere due lauree e un master in America”.

E l’ha fatto perché il mito del self-made man funziona(va) negli Stati Uniti ma non in Italia, dove “il pezzo di carta” lo chiedono anche per rispondere al call center. Lo ha voluto il Trota, anche albanese purché col timbro. Lo hanno millantato (e continuano a farlo) in molti, che hanno però scelto carriere più “nascoste”.

Gli serviva, gli ha fatto comodo, per accreditarsi con capoccioni pieni di alloro e cera lacca. Perché questo gli ha dato un’aura di autorevolezza che – non c’è niente da fare – solo un percorso accademico importante può dare. Lui lo ha sempre saputo, e si è imbarcato in questa grande recita, come Frank Abagnale Jr., sapendo che senza un curriculum debitamente gonfiato, non avrebbe potuto fare tutte le cose che ha fatto.

OSCAR GIANNINO S INCATENA A PORTA A PORTAOSCAR GIANNINO S INCATENA A PORTA A PORTAFino alla candidatura, alla creazione di un movimento dal nulla, in cui un gran numero di universitari, professori, imprenditori, borghesi illuminati e con molti master in tasca, ha riconosciuto la forza dei numeri, della verità economica, del merito e della trasparenza. Come molti prima di lui, c’era quasi riuscito. Ma il livello di scrutinio che subisce chi entra in politica, soprattutto oggi, è alto, inesorabile. Lo stesso Giannino doveva pensare all’esempio di Monti, l’economista paracadutato dalla Luftwaffe un anno fa, cui sono stati rinfacciati tutti i vari Bilderberg, Goldman Sachs, Moody’s, Trilateral, ecc ecc.

OSCAR GIANNINOOSCAR GIANNINOGli scheletri non riaffiorano sempre. Ma lo fanno se sono sepolti sotto la seconda riga della tua biografia su Wikipedia.

PS: A proposito di Wikipedia. Quando Giannino si chiede, sospettoso, “chi c’è dietro” all’attacco contro di lui e all’abbandono di Zingales, possiamo tranquillizzarlo. Nessun “gomblotto” per farlo fuori prima delle elezioni. Basta andare sulla pagina “discussione” della voce Oscar Giannino sull’ “Enciclopedia Libera” e si scopre che il dibattito sui suoi titoli finti esiste dal marzo 2011, due anni fa.

Addirittura, solerti wiki-contributors hanno contattato la University of Chicago-Booth chiedendo se mai avessero avuto uno studente di nome Giannino. La risposta, naturalmente, è stata “no”.

 

7. WIKIPEDIA – PAGINA “DISCUSSIONE” DELLA VOCE OSCAR GIANNINO
Da http://it.wikipedia.org/wiki/Discussione:Oscar_Giannino

EDUCAZIONE

NOZZE GIANNINONOZZE GIANNINONon credo sia laureato in economia ma solo in giurisprudenza. Inoltre in un’apparizione televisiva ha detto di aver frequentato il liceo classico a Torino ma non ha specificato quale. –slangava 17.35, 12 Mar 2011 (CET)
Slangava ha ragione. Ho scritto ieri al Manager del Student Records & Systems dell’università di Chicago Booth School of Business (Department: Student Records and Systems, vedi contatti http://boothdirectory.chicagobooth.edu) che mi ha gentilmente confermato: non solo assenza di diploma, ma nemmeno ha mai frequentato (per scrupolo hanno controllato anche il Executive Education (non-degree), e non compare nemmeno lì. L’affermazione “diploma in Corporate Finance e Public Finance presso la University of Chicago Booth School of Business” è dunque falsa e la rimuovo. –Oriettaxx 21:00, 15 Mar 2011 (CET)

Qualcuno sa se c’è modo di verificare la laurea in giurisprudenza? L’unico modo è probabilmente chiederglielo, esatto? –Oriettaxx (msg) 21:34, 15 mar 2011 (CET)
Riguardo alla laurea in giurisprudenza, non è forse il caso di levare il titolo in attesa di una fonte? mi pare sia meglio togliere una sospetta incertezza, piuttosto che lasciarla lì in attesa che sia dimostrato il contrario (altrimenti si rischia la “profezia che si auto avvera”): non si fa nemmeno un gran favore all’interessato secondo me. –Oriettaxx (msg) 04:14, 16 mar 2011 (CET)
Ho rimosso la parte dove diceva che Giannino ha due lauree, una in economia e una in giurisprudenza. Manca la fonte. –slangava 12.57, 26 Giu 2012 (CET)
Per la quinta volta ho rimosso la laurea in economia perchè manca la fonte, tra l’altro è da un po’ di tempo che aspettiamo che Jaqen ci dica come comportarci con il diploma alla Chicago Booth e alla possibilità di utilizzare l’istituto Bruno Leoni come fonte attendibile o meno. –slangava 9.53, 13 Set 2012 (CEST)

OSCAR GIANNINOOSCAR GIANNINOSinceramente non ricordo di aver mai scritto che avrei detto come ci si deve comportare in questo caso. –Jaqen [...] 10:57, 13 set 2012 (CEST)
No, avevi scritto però che era una situazione anomala perchè: “le voci di WP devono essere basate su fonti attendibili e pubblicate.” Le email mandate/ricevute dai wikipediani ovviamente non sono fonti “pubblicate”, e ti chiedevi se possono essere usate per dimostrare che una determinata fonte non può essere ritenuta attendibile. Se non tu, c’è qualcuno che ci può dire come ci si deve comportare in questo caso? –slangava 16.39, 13 Set 2012 (CEST)

ECONOMISTA?!? [MODIFICA]

Con tutta la buona volonta’ non e’ definibile un’economista. un saggista, giornalista economico, un esperto di economia, etc. ma non un economista. un economista e’ un accademico, che come minimo ha un dottorato in economia o che comunque fa ricerca economica.- Questo commento non firmato è stato inserito da 151.62.88.218 (discussioni • contributi) 21:36, 2 set 2011.

Ho aggiunto che ha una laurea in economia e un diploma in “Corporate Finance e Public Finance” (fonte), ma non penso che questo sia sufficiente a renderlo un economista, anche perché fra le fonti citate mi pare che nessuna lo definisca tale: ho modificato. –Jaqen [...] 23:35, 2 set 2011 (CEST)

OSCAR GIANNINOOSCAR GIANNINOEd hai “aggiunto male” (Vedi la prima parte di questa discussione). La fonte è il sito di una associazione (un “centro studi”) che sponsorizza Giannino (oltre che se stessa) ed i cui “attivisti” sono specializzati nel promuovere se stessi nella wikipedi (in modo..imbarazzante). Giannino NON HA nessun diploma della Booth di Chigago… ho scritto io (ma lo puoi fare anche tu) e mi hanno detto ben due volte, esplicitamente, che nessuno con tal nome (o similare… hanno controllato) è mai stato nemmeno iscritto ad un mini corso loro. L’insistenza con la quale Giannino fa strombazzare tal balla dal sito dei suoi compari cosa significa secondo te? –Oriettaxx (msg) 00:20, 7 set 2011 (CEST)

ah, dimenticavo.. chi rimuove? scusate nn lo faccio io …visto ke son così nervoso che ho paura di far danni –Oriettaxx (msg) 00:21, 7 set 2011 (CEST)
Rimosso. Eviterei comunque considerazioni e deduzioni su associazioni e individui legate a Giannino in qualche modo, magari. – Corrado (scrivimi) 17:32, 7 set 2011 (CEST)

Ora spunta pure la laurea in Economia, quale è la fonte? Nemmeno per la laurea in giurisprudenza c’è la fonte. –Oriettaxx (msg) 02:18, 9 set 2011 (CEST)

 

Pps: c’è anche una discussione su Wikipedia in inglese: qualcuno (chi?) ha cercato di infilare Giannino tra gli ex alunni dell’Università, e lo zelante wiki-contributor ha chiamato l’ufficio dell’ateneo per verificare che, in effetti, nessuno con quel nome si è mai iscritto.

8. WIKIPEDIA – VOCE EX ALUNNI UNIVERSITY OF CHICAGO – BOOTH SCHOOL OF BUSINESS

Oscar GianninoOSCAR GIANNINO 

http://en.wikipedia.org/wiki/Talk%3AList_of_University_of_Chicago_Booth_School_of_Business_alumni

Talk:List of University of Chicago Booth School of Business alumni
From Wikipedia, the free encyclopedia

Chicago portal
This article is within the scope of WikiProject Chicago, which aims to improve all articles or pages related to Chicago or the Chicago metropolitan area.
List This article has been rated as List-Class on the project’s quality scale.
Apparently there is somebody who systematically add an italian journalist named Oscar Giannino to this page (same happens in the italian page dedicated to him http://it.wikipedia.org/wiki/Oscar_Giannino I’ve received today a prompt answers from the Chicago Booth Manager of the Student Records & Systems (Department: Student Records and Systems, reachable here: http://boothdirectory.chicagobooth.edu) stating “no record of attendance or degree conferral by a person named Oscar Giannino” (even in the Executive Education -non degree – Office). For this reason I’ve removed today this name from the page. –95.75.170.60 (talk) 20:09, 15 March 2011 (UTC)

OSCAR GIANNINOOSCAR GIANNINOActually, it is false that the attempts to add Oscar Giannino to this list were “systematic”: if you scroll the page history, you can easily find that the unique edit involving Mr. Giannino is this one, made about two months before your removal. –Nicolabel (talk) 00:06, 20 February 2013 (UTC)

via dagospia

 

 

Al Presidente Napolitano, la ns Costituzione violata (by Dagopsia)

Domenica, 16 Dicembre 2012

Signor Presidente, gentile Re Giorgio,

Siamo un sito web piccolo ma libero e, visto che non lo fanno altri mezzi di comunicazione più importanti di noi, ci rivolgiamo direttamente a Lei come garante supremo e custode della Costituzione, nel suo spirito e nella sua prassi, per sottoporre alla Sua alta considerazione alcuni aspetti della contraddittoria evoluzione del quadro politico nelle ultime settimane, cosa che alimenta disorientamento e confusione tra gli italiani, italiani peraltro gia’ duramente provati da una crisi economica che le attuali generazioni mai avevano dovuto affrontare.

Noi siamo certi che Ella soltanto possa riportare tali aspetti nell’alveo dell’ineccepibilita’ istituzionale, poiché sa bene che la miscela di una crisi che impoverisce e di una politica che rischia di uscire dai binari istituzionali costituiscono un rischio effettivo per la nostra democrazia che Lei, Signor Presidente, ha a cuore più di ogni altra cosa.

Lunedì si apre la settimana decisiva della legislatura e dell’attuale governo. E subito dopo tutto sara’ nelle Sue mani per le ultime determinazioni, che sono di competenza propria del Capo dello Stato. Approvata la legge di stabilita’, il professor Monti Le ha preannunciato che verra’ a rassegnare nelle Sue mani le dimissioni irrevocabili del governo, dimissioni che, secondo i più, avranno come conseguenza l’immediato scioglimento delle Camere e l’indizione delle elezioni politiche generali conseguenti.

Qui ci permettiamo di sottoporLe una questione molto delicata: sulla base di cosa Lei potrà accettare le dimissioni del presidente Monti e procedere al decreto di scioglimento? Vi e’ stato forse un voto di sfiducia al governo in una delle due Camere o il governo avendo posto la fiducia su di un atto di particolare rilievo del proprio indirizzo politico non l’ha ottenuta?

Nessuna di queste precondizioni si e’ verificata, infatti il presidente del Consiglio in carica vorrebbe basare le sue dimissioni con il discorso in Aula dell’onorevole Angelino Alfano e con la successiva astensione del Pdl, partito di maggioranza relativa, su due provvedimenti tutto sommato non decisivi per l’azione del governo come la legge di stabilita’ su cui pure verra’ posta la fiducia e sulla quale il medesimo Alfano ha gia’ annunciato il voto favorevole del partito che formalmente egli continua a guidare.

Se anche si volesse strumentalizzare il discorso in aula dell’onorevole Alfano, esso manca di un requisito essenziale ai fini della valutazione del Capo dello Stato: Alfano non ebbe a concludere il suo discorso invitando il presidente del Consiglio a recarsi al Quirinale per le conseguenti determinazioni. Ci siamo andati a rileggere il resoconto stenografico dell’intervento di Alfano e abbiamo potuto vedere che tutto ciò non c’è.

C’e’ invece quanto basta, Signor Presidente, secondo le nostre a tutta evidenza modeste nozioni di diritto costituzionale, per consigliare al presidente Monti una verifica politica della sua maggioranza attraverso un formale dibattito in Parlamento su di un documento politico proposto dal governo per verificare il consenso dei deputati e dei senatori.

Se il presidente Monti, come sembra, non intendesse fare ciò prima delle dimissioni Lei avrebbe ampia materia per rinviare il governo in Parlamento in modo da verificare se la fiducia e’ venuta davvero meno e dunque il presidente del Consiglio ritorna dal Capo dello Stato a reiterare le proprie dimissioni, che solo a quel punto diventano davvero irrevocabili secondo il dettato costituzionale e non secondo gli umori dello stesso presidente del Consiglio. E’ questo, crediamo, il percorso coerente con la prassi costituzionale di cui Ella e’ garante.

nel caso del presidente Monti vi e’ di più:

1. Egli venne al Quirinale a dirLe che si sarebbe dimesso irrevocabilmente per via del discorso di Alfano ma meno di 48 ore dopo il capo vero del Pdl, Silvio Berlusconi, e lo stesso Alfano (ovviamente) chiedono al professor Monti di fare il candidato premier di una larga coalizione di centrodestra, cosa legittima ma che dimostra ancor più come non sia venuta meno la fiducia del Pdl nell’attuale premier. Che gioco e’ questo, Signor Presidente?

2. Dopo le recenti decisioni del Tar sul Lazio, che ha revocato l ‘obbligo di votare il 3 e il 4 di febbraio e venute meno le polemiche circa l’accettazione dell’election day da parte delle forze politiche, ci permettiamo di chiederLe: perché votare il 17 febbraio e non tornare invece alla ipotesi della seconda domenica di marzo o al 7 aprile, che sappiamo essere di Suo gradimento, attraverso un percorso, questo si davvero ordinato, di fine legislatura, come da Lei sempre auspicato?

3. Lei sa, Signor Presidente, che i partiti che non sono in Parlamento, nonostante il numero sia stato dimezzato, non riusciranno a raccogliere le firme necessarie entro il 12 di gennaio. E sa anche che Beppe Grillo sta gia’ gridando dal suo blog alla democrazia dimezzata. Il suo movimento si sta muovendo per raccoglierle ma se si accorge di non farcela ci mette poco a boicottare le elezioni in segno di protesta e il rischio che, come in Sicilia, l’astensionismo superi il 50 per cento degli aventi diritto diventa reale.

Che ne sarà’ in tal caso del futuro Parlamento, quale legittimazione e quale autorevolezza avrà il governo che ne sarebbe espressione? Senza contare, come lo stesso Grillo paventa, l’eventualità del cattivo tempo, molto comune in febbraio come ad esempio proprio il 12 febbraio dell’anno scorso, data della bufera di neve a Roma e nel Centro Italia, quella bufera che il sindaco di Roma, Alemanno, ben ricorda.

4. Sappiamo bene, Signor Presidente, che i nostri destini sono legati all’Europa, ma non Le sembra che l’attuale premier, che in Italia appare molto “choosy” verso tutti, a Bruxelles o Strasburgo non tema di prendere partito, aiutato magari in tale operazione da membri italiani del Parlamento europeo come gli onorevoli Mauro Mario e Mastella Clemente? Non sarebbe il caso di spiegargli che non e’ poi così opportuno e apprezzato dagli italiani farsi definire, mentre presenta in tv il suo libro sulla democrazia in Europa, “Governatore della regione Italia” dalla sua coautrice e moltissimo amica Sylvie Gaulard, mentre egli stesso la guarda adorante?

Affidiamo a Lei con rispetto, Signor Presidente, queste domande che Aldo Moro avrebbe definito “angosciose”, consapevoli come siamo che solo Lei ha l’autorità, l’autorevolezza e le prerogative assegnateLe dalla Costituzione per mettere al bando tutte le miserie, oggettive (a partire dai “mercati” che non rispettano i paesi che non si fanno rispettare) e soggettive (dispetti, ombrosità, ambizioni giuste o sbagliate e quant’altro), rammentando a tutti che la forma e il rispetto delle regole in democrazia sono sostanza e non orpelli.

Con deferente stima, a nome dei nostri lettori. I collaboratori e il Fondatore

POST SCRIPTUM.
Signor Presidente, gentile Re Giorgio, anche noi abbiamo cercato di incanalare nella più corretta forma istituzionale il nostro pensiero. E’ nostro dovere aggiungere, agganciati come siamo al pensiero vero di un paese tanto stremato quanto arrabbiato, che se non si rispettano le regole tanto vale che Lei, nell’ordine:

1. Faccia un decreto per prolungare il Suo mandato al Colle per altri tre anni e si occupi direttamente un paio di ore al giorno di crescita e sviluppo, facendo squadra con Mario Draghi.

2. Ne faccia un altro per spostare le elezioni ad anno e secolo da destinarsi, almeno risparmiamo

3. Riconfermi direttamente Monti a palazzo Chigi e ne informi Lei la signora Merkel e anche il signor Barroso e Goldman Sachs ovviamente. Se crede, gli metta Bersani come vice ma senza Alfano, basta Letta Gianni per ogni evenienza. Per Casini, se necessario, veda Lei qualcosa così il suocero e’ contento.

4. Nomini, sempre con lo stesso decreto, Luca di Montezemolo ministro degli Esteri. Fara’ certamente meglio di Terzi di Santaqualcosa, così non perde tempo a fare il partito e può liberare i maro’ detenuti in India usando la sua amicizia con Ratan Tata, sbloccando contemporaneamente anche gli affari Finmeccanica in quel Paese, tanto le cose appaiono ormai ben legate. A patto che resti presidente della Ferrari, ciò e’ evidentemente necessario al miglior espletamento delle funzioni di ministro.

5. Revochi la nomina di senatore a vita al professor Monti e nomini al suo posto per sei mesi l’anno Beppe Grillo (così anche gli italiani che non vanno sul web possono godere di un suo show in Senato) e per gli altri sei mesi Silvio Berlusconi (resta inteso che nei sei mesi di Grillo Berlusconi se ne starà a Malindi o in altra località esotica con la sua o con le sue fidanzate, così e’ al riparo dai giudici cattivi tutto l’anno).

Anche in questo caso, ne siamo certi, il Paese gliene renderà merito. Se si muovesse con tempestivita’ salverebbe anche l’esimio professor Monti dall’abbraccio di tutti i riciclati, voltagabbana, ex banchieri e banchieri in servizio, incandidabili e ciellini che stanno salendo sulla sua zattera.

via Dagospia

Il Web sta umiliando la carta stampata

Giovedì, 15 Novembre 2012

Pur in una giornata drammatica, sembrava di sognare, ieri, a guardare i principali siti internet. Era tutto un rimbalzare di foto e immagini dove si vedevano poliziotti che manganellano alle spalle o si accaniscano su ragazzi a terra. Imparata la lezione di Genova, chi scende in piazza oggi riprende e fotografa tutto, per poi rilanciare le immagini in tempo reale sui social network.

STUDENTI IN PIAZZA SCONTRI IN TUTTA ITALIA jpegSTUDENTI IN PIAZZA SCONTRI IN TUTTA ITALIA jpeg

Milioni di persone navigano in questo “disordine” informativo per ore, fino a notte inoltrata, si fanno un’idea della giornata e magari riflettono su cosa voglia dire avere un prefetto ministro degli Interni e un ammiraglio alla Difesa. La crisi economica è un fatto vero, ma fa comodo trasformarla in un problema di “ordine pubblico”.

STUDENTI IN PIAZZA SCONTRI IN TUTTA ITALIA jpegSTUDENTI IN PIAZZA SCONTRI IN TUTTA ITALIA jpeg

Poi uno apre i giornali, e le notizie spariscono. Foto e video sono embedded. I cronisti anche, perché sono gli stessi incaricati di recuperare notizie di cronaca giudiziaria da Sco, Ros e servizietti segreti. Il risultato è totalmente straniante, anche solo confrontando i siti internet e la versione cartacea delle stesse testate.

ROMA STUDENTI IN PIAZZA SCONTRI IN TUTTA ITALIA jpegROMA STUDENTI IN PIAZZA SCONTRI IN TUTTA ITALIA jpeg

I direttori di giornale si tengono alla larga dal commentare, perché sarebbero costretti a inimicarsi o il premier o i lettori. Con qualche eccezione come Antonio Padellaro, che sul Fatto scrive: “Ieri le nostre piazze e le piazze d’Europa erano affollate di impiegati, insegnanti, ricercatori, commercianti, espressioni di un ceto medio massacrato dai tagli e mortificato nella propria funzione sociale. C’era soprattutto una massa di giovani senza occupazione. Frustrati, esasperati, abbandonati. A cui nessuno vuole dare una risposta. E allora presidente Monti, non è anche questa violenza? E la peggiore?”

ROMA STUDENTI IN PIAZZA SCONTRI IN TUTTA ITALIA jpegROMA STUDENTI IN PIAZZA SCONTRI IN TUTTA ITALIA jpeg

2. CRONICHE IMMANCABILI
“Sereno, il nuovo questore di Roma Della Rocca ha fatto sapere al Viminale di avere i video di tutti gli scontri. Insomma, questo per dire che non ci sono stati episodi ‘censurabili’, reazioni particolarmente violente da parte delle forze dell’ordine” (Guido Ruotolo, Stampa p. 2, “il Retroscena”).

MILANO STUDENTI IN PIAZZA SCONTRI IN TUTTA ITALIA jpegMILANO STUDENTI IN PIAZZA SCONTRI IN TUTTA ITALIA jpeg

“Una seconda avanguardia ha raggiunto la sede della provincia di Torino a palazzo Cisterna. Molti arredi sono stati presi dall’interno e accatastati in mezzo alla strada, mentre una decina di manifestanti è salita al balcone del piano nobile per srotolare striscioni e issare l’IMMANCABILE vessillo NoTav” (Stefano Caselli, figlio di, sul Cetriolo Quotidiano, p. 2).

“La guerra dei filmati scoppia in serata quando comincia a montare la polemica sugli episodi di guerriglia che hanno segnato questa giornata di protesta nelle città italiane. Televisioni e siti internet trasmettono i video girati durante le manifestazioni, mostrano studenti trascinati via dal corteo, buttati per terra, presi a manganellate dagli agenti, alcuni in borghese e con il casco in testa. Al Viminale c’è grande preoccupazione, l’IMMAGINE della polizia può subire un altro durissimo colpo” (Fiorenza Sarzanini, Corriere della Sera, p. 5).

a cura di COLIN WARD e CRITICAL MESS via dagospia

UE, bocciato il bilancio per il 18°anno

Mercoledì, 7 Novembre 2012

Terreni situati in Lombardia e in Galizia (Spagna) ricoperti da pascoli permanenti e foreste, spacciati per terre agricole che possono beneficiare di aiuti europei. Ma anche carenze gravi alle regole in materia di mercati pubblici nel gasdotto tra la Romania e l’Ungheria (ma che la Commissione Ue contesta), fino al mancato rispetto delle procedure per progetto per l’approvvigionamento in acqua, in Etiopia. Questi ed altri errori nelle finanze europee 2011, per un ammontare di circa 5,2 miliardi di euro (su un totale di 130 mld), sono finiti nel mirino della Corte dei Conti dell’Ue. I maggiori errori: nello sviluppo rurale (7,7%), nelle politiche ‘regionale, energia e trasporti’ (6%) e nella ricerca (3%).

Immediata e’ stata la reazione della Commissione europea per ricordare che ”il tasso globale di errore sulle spese dell’Ue e’ inferiore al 4%”. E’ come dire – spiega la portavoce del commissario alla fiscalita’ Algirda Semeta – ”che per ogni 100 euro di fondi Ue, 96 sono stati ben spesi, mentre i 4 restanti sono a rischio, ma non per questo sono stato persi o sperperati, o ancora meno sono oggetto di frodi”.

In caso di errori nella gestione dei finanziamenti Ue, lo Stato membro interessato deve rimborsare l’ammontare ricevuto alle casse comunitarie e rivalersi sui beneficiari che non hanno rispettato le regole. In conclusione, dice Vitor Caldeira, presidente della Corte dei Conti, ”il bilancio dell’Ue potrebbe essere usato in modo più efficace ed efficiente, e fornire un maggior valore aggiunto per i cittadini”, senza contare che l’importo considerato a rischio irregolarità dai direttori generali della Commissione è salito da 0,4 miliardi nel 2010 a 2 miliardi di euro nel 2011.

LA CORROTTA UE SPRECA 80 MLD £ IN UN ANNO Dal “Daily Express” http://bitly.com/Ssy8hT I conti dell’Unione europea non quadrano e gli antieuropeisti godono. Fra questi, un quotidiano che da sempre in Inghilterra è in prima linea per combattere “gli spreconi” dell’Europa unita, lanciare una vera e propria “crociata” contro l’Ue: il “Daily Express”.

Il giornale sottolinea che la Corte dei conti europea ha bloccato per il diciottesimo anno consecutivo il bilancio dell’Ue, rilevando errori in quello del 2011 per 80 miliardi di sterline. Nel rapporto si indica anche che il tasso di errore nella spesa è salito dal 3,7 per cento del 2010 al 3,9 per cento del 2011. E dopo aver invocato l’uscita dall’euro della Gran Bretagna, il “Daily Express” pubblica una piccola lista che scende nel dettaglio degli sprechi (tra cui, ovviamente, figura l’Italia).

• Più di 160.000 sterline (circa 200 mila euro) sono state concesse per un progetto in Lombardia, per costruire una fattoria con un laboratorio per la lavorazione e l’essiccazione frutta. È risultata essere una abitazione privata.
• L’agenzia di assistenza ha pagato 4 milioni di sterline a sé stessa per “assistenza tecnica”.
• Ad un contadino è stato concesso un premio speciale per 150 pecore. Peccato che non avesse pecore.
• In Italia e in Spagna, gli agricoltori sono stati pagati per mantenere un “pascolo permanente”, quando quei terreni erano ricoperti da fitte foreste.
• Un contadino pagato per tecniche specifiche di lavorazione della frutta non aveva nemmeno potato i suoi alberi. via dagospia

L’amore che vince il Lager

Martedì, 16 Ottobre 2012

«E tu da dove vieni?». Quando Olga Watkins raccontava la sua odissea d’amore nel Terzo Reich e nei campi di sterminio a Dachau e Buchenwald la scambiavano per una matta. Li ricorda bene i sorrisetti di chi la ascoltava e pensava: «Questa signora è fuori di sé». Figuriamoci: nessuno o quasi credeva a Olga. A una storia del genere?

OLGA WATKINSOLGA WATKINS Lei ventenne che sfida le Ss, la Gestapo e gli ustascia per cercare l’uomo che desiderava sposare. Lei, Olga, che («Di mia volontà») entra nell’orrore di Dachau («I cadaveri erano così numerosi che la ciminiera del crematorio buttava fuori fumo in continuazione») e scova l’elenco degli internati con il nome del suo Julius, nel frattempo trasferito a Buchenwald. E, ancora lei, giovane innamorata, che sotto i bombardamenti si muove proprio verso Buchenwald dove, nonostante la Germania abbia appena firmato la capitolazione, migliaia di prigionieri, ebrei, comunisti, oppositori, omosessuali, zingari, cavie umane, sono ancora lì nelle baracche, paralizzati da terrore, malattie, mutilazioni, sevizie subite. «Immagini che continuano a perseguitarmi». C’è pure Julius a Buchenwald: «Mio Dio come hai fatto a ritrovarmi?». E finalmente si sposano: Olga con un paio di scarponi ai piedi e una camicia da notte, i capelli raccolti con le stringhe e i pezzi di carta, mentre Julius, solo ossa e senza denti, indossa una divisa dell’esercito tedesco «privata di mostrine e distintivi» perché altro non c’era. Poi la fuga per una libertà di cui non godranno mai: Olga è croata (all’epoca jugoslava), Julius è ungherese della Budapest occupata dai sovietici. Stalin e Tito litigheranno, la ragione di Stato spezzerà il matrimonio, saranno costretti a divorziare ma non a dimenticare.

OLGA WATKINS E JULIUS KORENY AI TEMPI DEL LORO AMOREOLGA WATKINS E JULIUS KORENY AI TEMPI DEL LORO AMORE Possibile stare dietro a un dramma di vita e d’amore del genere? Una trentina di anni fa, Olga Watkins fu convinta da un amico a scrivere le memorie. «E io, senza esperienza, misi giù le mie peripezie nell’Europa occupata da Hitler, tremila chilometri percorsi da Zagabria a Budapest, da Vienna a Norimberga e Weimar per riprendere Julius». Quegli appunti sono prima diventati un cimelio, una testimonianza depositata all’Imperial War Museum di Londra, successivamente un libro coinvolgente (affidato alla stesura del giornalista James Gillespie) uscito in Inghilterra col titolo A Greater Love e ora in Italia per Piemme: Ovunque sarai (pp. 308, 9,90). Nei dolori dell’Olocausto, nell’inferno della Shoah ci sono eventi marginali eppure straordinari come questi, nascosti e da scoprire perché ci aiutano a ricostruire l’insieme della Storia con i suoi palpiti e le crudeltà. «A Dachau vidi un prigioniero affamato trascinarsi per acchiappare una carota caduta da un camion, una guardia gli frantumò il cranio con il calcio del fucile».

OBAMA A BUCHENWALDOBAMA A BUCHENWALD

Olga Watkins, oggi ottantanovenne, vive a Barnet, a Nord di Londra, con Gerry, irlandese, suo secondo marito da 48 anni. Un piccolo appartamento in una zona tranquilla, nel verde. È gentile, brillante, in ottima forma. Rilegge il passato con la passione e l’ironia che possiede soltanto chi ha vissuto esperienze tanto intense, dolorose e profonde. «Lo sa che erano in pochi a prendermi sul serio?». Invece, l’odissea di Olga è stata un «viaggio» reale nelle tragedie della Seconda guerra mondiale. «Sono nata a Sisak, poco distante da Zagabria, mia madre è morta presto, mio padre, rigidissimo, se ne andò con una nuova compagna. Fui costretta a raggiungerlo in città e la mia presenza non lo rese felice». Era una diciannovenne, Olga, e fu la «matrigna» Ilona, in contatto con alcuni diplomatici di Budapest, a indirizzarla al circolo degli ungheresi di Zagabria. Conobbe lì Julius Koreny. E conobbe pure zia Alice, «una donna elegante e piena di vita», la sorella della fredda «matrigna», della quale era l’opposto. Zagabria era nelle mani degli ustascia, gli alleati dei nazisti, altrettanto spietati e brutali. Zia Alice era ebrea: «Fu marchiata con una stella di David nera su sfondo giallo e pure io che non ero ebrea». Undicimila ebrei risiedevano nel capoluogo croato e alla fine della guerra ne sarebbero rimaste poche decine. Zia Alice fuggì dall’Olocausto, fu Olga ad aiutarla.

campo di concentramentocampo di concentramento  Julius aveva dieci anni più di Olga e un figlio da una relazione precedente. Si innamorò e per quella ragazza, la sua Olga, sfidò i regimi di Zagabria, di Budapest, di Berlino: grazie al lasciapassare diplomatico rintracciò in un campo di prigionia una lontana parente ebrea della fidanzata. Insieme e clandestinamente cominciarono a consegnarle con regolarità cibo e vestiti. «Fu un’esperienza indimenticabile». Qualcuno però tradì Julius e lo denunciò. «Il 15 ottobre 1943 con un pretesto fu richiamato in patria e la mia vita non sarebbe mai più stata la stessa». Lo arrestarono e deportarono prima a Komaron, sulle rive del Danubio, «dove confluivano i prigionieri politici e i nemici del Reich», in un secondo momento in Germania a Dachau, infine a Buchenwald. «Me lo rubarono e io non pensai ad altro che a raggiungerlo, ovunque fosse». I ricordi sono ancora intatti. Inseguendo le flebili tracce di alcune lettere, Olga non si fermò mai, fra la fine del 1943 e il giugno 1945. Ingannò le Ss trovando il modo di farsi assumere a Dachau, nel dipartimento amministrativo, per rintracciare gli archivi, consultarli e scoprire quale fosse stata la sorte di Julius. «Gli internati si trascinavano e tenevano lo sguardo basso, appiccicato al terreno, era come se non volessero vedere ed essere visti».

campo di concentramento di dachaucampo di concentramento di dachau  Poi Buchenwald, ultima tappa dell’odissea, dove posata su un tavolo c’era una lampada il cui paralume aveva un tatuaggio, «era di pelle umana, testimonianza della barbarie». Gli americani e i sovietici erano alle porte, i tedeschi sconfitti e in rotta, in una baracca di Buchenwald era disteso su un letto Julius, ammalato di tifo e con una trombosi alle gambe per le botte dei nazisti. «Mi guardò e sussurrò: sposiamoci qui, adesso. Non aspettiamo altrimenti sarò rimandato in Ungheria e tu in Jugoslavia. Attorno a noi c’erano scheletri che vagavano senza meta, celebrammo all’ombra di quelle orribili svastiche cadenti». Il dramma d’amore non era concluso. Olga e Julius sarebbero partiti alla volta di Budapest, occupata dall’Armata rossa di Stalin, per regolarizzare il matrimonio e finalmente vivere assieme.

campo di concentramento di buchenwaldcampo di concentramento di buchenwald  Ma nel 1948 la rottura delle relazioni politiche e diplomatiche fra i comunisti sovietici e i comunisti della Jugoslavia di Tito avrebbe per sempre diviso i due. «Mi negarono il visto d’ingresso e di soggiorno». E nel 1950 sarebbe sopraggiunto il divorzio per procura. L’addio. Julius è morto di tumore nel 1994. Olga si è trasferita a Londra negli anni Cinquanta. Hanno tenuto una fitta corrispondenza e si sono rivisti a Vienna nel 1985. «Lui era col figlio Gabor col quale sono ancora in contatto». Si salutarono e brindarono. «Ai nostri sogni infranti». Olga in Germania non è mai tornata. Fabio Cavalera per il “Corriere della Seravia dagopsia

Monti, 32mila euro al mese

Giovedì, 4 Ottobre 2012

«Chiediamo sacrifici ai cittadini e mi è sembrato doveroso, come atto di sensibilità individuale, rinunciare al compenso da presidente di presidente del Consiglio e da ministro dell’Economia».Così parlo Mario Monti nei giorni lieti dell’insediamento. Giorni di apologìe. Di spot in nome della “sobrietà”. Di distrazioni consapevoli. Di abiure. Giorgio Napolitano, l’ex bolscevico già attivo quando i cingolati aravano Budapest e si incendiavano le primavere di Praga, nel 1979 si astenne sull’ingresso dell’Italia nel Sistema Monetario Europeo.Tre decenni dopo ha cambiato idea, consegnando il Paese nelle mani della Finanza internazionale e nominando Senatore a vita il perno di interessi in equilibrio tra Goldman Sachs, Bocconi e Trilateral. Eugenio Scalfari gridò al «colpo di genio», i giornali edificarono biografie plaudenti sul neo Premier e Mario Monti si impegnò a spandere un po’ di fumo demagogico.

Mentre le grandi manovre di Palazzo ne ripropongono l’ombra soffiando sul Monti-bis e sulla prosecuzione della sua esperienza ancor prima che si sia tornati a votare, il commissariamento del Paese è ormai realtà e gli alchimisti della legge elettorale preparano pozioni in grado di neutralizzare i rompicoglioni, il marito della signora Elsa Antonioli, manovratore del presente e del futuro, si è affezionato al ruolo. Proverà a rimanere in sella anche domani.Senza stipendio da Premier forse, ma con altre voci in entrata delle quali non ha inteso spogliarsi. Nessuno, ma proprio nessuno, accenna mai a quella da Commissario europeo. Per i molti anni passati a Bruxelles (iniziò nel 1995), Monti percepisce circa 9.000 euro lordi mensili. A vita. Trattamenti, pensioni e indennità degli ex commissari sono fissati da Consiglio d’Europa, regolamento numero 422/67.I commissari europei godono di un regime fiscale infinitamente meno punitivo del nostro, moltiplicano per ogni anno di funzione l’emolumento base e guadagnano, nel caso di Monti, quasi il doppio dei tanto vituperati parlamentari italiani in sella per un ventennio. All’assegno di Bruxelles (e ai contributi pensionistici che il Professor Monti continua a percepire anche sullo stipendio da Premier a cui ha rinunciato) va aggiunto quello da Senatore a Vita.Diecimila euro e spiccioli lordi a cui devono sommarsi la “diaria” ridotta (sic) a 3.500 euro mensili dal primo gennaio 2011, il rimborso spese per l’esercizio del mandato (altri 2.090 euro), un rimborso forfettario per “spese generali” di 1.650 euro, biglietti gratuiti per aerei, treni e navi, esenzione dal pedaggio autostradale e “l’assegno di fine mandato”. Il tutto per più di 20.000 euro al mese.Sommati a quelli ottenuti da Bruxelles e a quelli della pensione di professore universitario, il magnificato e sobrio Monti avrà oltre 32.000,00 euro al mese per tutta la vita al di là di ogni previsione di governo e di eventuali incarichi con banche d’affari una volta uscito da Palazzo Chigi. Evviva la sobrietà bocconiana. dagoreport via dagospia

Sul furto di informazione e pensiero unico (Ferrara e Freccero)

Lunedì, 30 Luglio 2012

C’è in Italia un “furto di informazione” sulla crisi economica, come denuncia un appello di intellettuali (tra cui Luciano Gallino e Guido Rossi) e come ha scritto Carlo Freccero sul Fatto Quotidiano? Giuliano Ferrara, direttore del Foglio, risponde di no, ma il tema del “pensiero unico” sulla crisi lo stuzzica.

Ferrara, hanno ragione Gallino e Freccero, c’è un “furto di informazione” sulla crisi?
Un conto è invocare il pluralismo delle fonti, ma l’appello alle autorità per un intervento di ripristino di una linea informativa ha qualcosa di orwelliano. Da Pci degli anni Cinquanta.

L’appello di Gallino e Rossi denuncia una resa intellettuale alle ragioni del mercato.
Ma non tengono conto del fatto che la Thatcher ha creato l’azionariato popolare, che Reagan ha inventato i fondi pensione. Che la gestione del risparmio e degli investimenti è diventata un carattere fondamentale dei mercati mondiali. Per loro esistono le forze del grande capitale finanziario in agguato. Non capiscono che nella composizione della finanza mondiale coesistono molte cose diverse, certo, le grandi banche e le multinazionali, ma anche il risparmio di società che si sono liberate dalla costrizione, scoprendo le libertà.

Siamo diventati tutti liberisti?
Il liberismo non è una connotazione ideologica, è la condizione effettiva del mondo contemporaneo. Il libero commercio ha trionfato sulla pianificazione, lo dice il principio di realtà. Loro sono fermi alla lotta di classe, sbagliano a pensare che sia dirimente.

Gallino ha scritto un best-seller sul fatto che la lotta di classe c’è ancora.
Non è che è stato eliminato il concetto, è stata eliminata la cosa in sé. Molti dei firmatari dell’appello ripropongono uno schema marxista-leninista (leninista lo metto solo per polemica), come fa Maurizio Landini con la Fiom. Ma non hanno un’esperienza di vero comunismo alle spalle. Fossero stati comunisti, leggerebbero Giuseppe Di Vittorio. Gli operai si sono sempre considerati parte del capitalismo. Per la cultura classista vera, il capitalismo è un rapporto sociale di produzione. Siamo tutti nella stessa barca.

Ma è d’accordo che c’è una certa uniformità nelle analisi sulla crisi economica?
Su questo, Gallino e gli altri dicono una cosa vera: è ridondante, ossessivo, l’appello valoriale sempre allo stesso quadro di idee. Anche noi al Foglio, dopo aver detto mille volte “viva Draghi, viva la Banca centrale europea, viva la finanza internazionale”, sentiamo il bisogno di sentire Guido Viale o Riccardo Realfonzo. La scomparsa delle idee e delle culture di opposizione sociale non è un bene per nessuno.

Come si spiega che un po’ tutti i giornali, dal Sole 24 Ore a Repubblica, abbiano le stesse analisi e gli stessi editoriali?
Se i figli di un dirigente comunista storico come Alfredo Reichlin hanno le idee che hanno, uno in sociologia politica, Pietro, e una in economia, Lucrezia, è perché tutte le persone che studiano veramente i problemi poi alla fine oggi si riconducono a una stessa cultura. Nessuno crede più alla possibilità di cambiare le cose in uno schema di pianificazione. Cito Reichlin in modo provocatorio, ma potrei indicare anche Giulio Napolitano, il giurista figlio del Capo dello Stato. La trasmissione generazionale è così: le persone si muovono dentro le coordinate del loro tempo.

Quindi il “pensiero unico” esiste.
Sono d’accordo con i firmatari dell’appello, quando dicono ‘attenzione che così il pensiero diventa unico’. Ma mi pare che poi non ci sia una prospettiva o un costrutto reale nelle tesi di un Gallino o un Viale. Se mi propongono un impauperimento progressivo del sistema internazionale, allora preferisco gli articoli dell’Economist che mi ricordano come la globalizzazione ha permesso a milioni di persone di mangiare qualcosa di più di una ciotola di riso. Anche se poi mi guardo intorno e noto che ci sono più automobili che mosche…

Non subirà mica il fascino delle teorie sulla decrescita?
Io mi sono fatto l’orto. Un po’ tutti sentiamo che una pedagogia civile implica escogitare valori a chilometro zero. Ma non bisogna che diventino idoli. Sono d’accordo che non serve il Tav per trasportare le uova tra Italia e Francia, ed è più semplice che ognuno mangi le proprie. Ma non per questo mi auguro il crollo delle multinazionali dell’agroalimentare che danno lavoro a tanta gente e producono ricchezza.

Si prova a cambiare il mondo con comportamenti individuali, ma non ci sono più teorie per provarci.
Sono d’accordo. Ma il problema non è che le grandi idee alternative vengono nascoste dai giornali, come sostiene Gallino. Semplicemente non esistono più.

Stefano Feltri per il “Fatto quotidiano

2 – CONTRO IL PENSIERO UNICO VIA I BAVAGLI ALLE NOTIZIE…
Carlo Freccero per il “Fatto quotidiano”

L’interesse dell’appello “Furto di informazione” pubblicato sul manifesto non sta tanto, come dice il Corriere della Sera di ieri , nell’ennesima contrapposizione tra neokeynesiani e neoliberisti, quanto nell’aver affrontato per la prima volta il problema a priori, fuori dal puro contesto economico. L’appello è firmato da economisti ma pone piuttosto un problema filosofico. Tra qualche anno il neoliberismo di oggi rischia di venir letto dagli storici come il paradosso di un’epoca che impiega tutte le sue risorse a distruggere il benessere economico guadagnato nel tempo.

Da piccolo avevo un libro di favole intitolato “Il tulipano screziato”. La storia raccontava la bolla speculativa del mercato dei tulipani nell’Olanda del ‘600. Un unico bulbo di tulipano poteva avere un immenso valore. La storia ha fatto giustizia dei tulipani e la farà delle nostre attuali convinzioni. Il marxismo (come teme Giuliano Ferrara) non c’entra niente. C’entra il pensiero critico e la capacità di prendere distanza dalle cose.

Il salasso per tutti
Qualche anno fa il neoliberismo veniva chiamato “pensiero unico”, definizione che evocava la possibilità di altri pensieri possibili. Oggi il neo-liberismo si chiama semplicemente “economia” e non importa se esistono teorici come Paul Krugman o Joseph Stiglitz che vedono le cose da un altro punto di vista. Stiamo vivendo una crisi. Dobbiamo inchinarci alle leggi economiche e accettare i sacrifici che ci vengono imposti come dolorosi ma necessari. Il neoliberismo non è più una tesi economica discutibile e relativamente recente, ma un dato di natura.

La crisi del 1929 è stata affrontata con politiche keynesiane ed è stata superata. La crisi attuale viene curata con politiche neoliberiste e non fa che peggiorare. È come se a un paziente disidratato venissero praticati salassi anziché fleboclisi: morirà. Ma per secoli il salasso è stata l’unica pratica medica accreditata per curare ogni tipo di malattia con esiti disastrosi. Oggi noi applichiamo alla crisi un’unica forma di terapia: tagli e sacrifici, convinti come i medici di un tempo, di non avere altre alternative a disposizione.

Anticasta, l’unica critica lecita
Si dirà: questi sono temi da affrontare tecnicamente in campo economico. Non a caso il nostro è un governo di “tecnici”. Viviamo in uno stato di eccezione in cui le necessità economiche prevalgono sulle istanze politiche. L’uomo comune può solo affidarsi a chi è più competente di lui come si affiderebbe a un medico in caso di malattia. La sua critica deve essere circoscritta agli abusi e agli sprechi che impediscono al mercato di funzionare e produrre ricchezza e benessere per tutti. Ma questo è già pensiero unico, rinuncia a ogni alternativa possibile.

Guardiamo la situazione italiana degli ultimi decenni. Avevamo un governo sedicente liberista in cui il liberismo era mitigato e spesso stravolto dal populismo. Un’opposizione che si dichiarava più liberista del governo ed evocava maggior rigore. Abbiamo oggi un governo tecnico sostenuto da entrambi gli schieramenti. E l’unica alternativa è costituita da una reazione contro la politica, che viene accusata (a ragione) di sperperi, nepotismo, privilegi.

Mentre per il governo la causa della crisi è il debito pubblico e l’azione dissennata dei governi precedenti, per i gruppi anticasta, la causa della crisi sta nella corruzione della politica che impedisce al mercato di funzionare. Formalmente contrapposte le due tesi aderiscono nella sostanza a un’unica tesi: questo è l’unico mondo possibile, possiamo migliorarlo ma non cambiarlo.

Gli italiani sembrano in preda a una forma di depressione che li porta a non reagire, mentre il loro mondo affonda e il benessere costruito dal dopoguerra viene sacrificato sull’altare della necessità economica. Cos’è che ha cambiato le nostre capacità di reazione, ha annullato il nostro spirito critico? La censura, la mancanza di informazione, i tagli alla scuola e alla ricerca.

Ci è stata instillata in questi anni la convinzione che la cultura non conta nulla, che il pensiero è inutile, che l’unico valore è il benessere economico. E la morte del pensiero critico non ha prodotto benessere, ma disastro e miseria. Per questo l’appello pubblicato dal manifesto sul “furto di informazione” riguarda, prima ancora delle politiche economiche il tema dell’informazione.

Una politica economica non è “naturale”, presuppone una scelta tra più alternative. E la scelta politica presuppone informazione. Per questo mi sono battuto per la sopravvivenza del servizio pubblico. Una pluralità di emittenti private non garantisce pluralismo informativo. La stessa cosa vale per le testate giornalistiche. Fino a oggi l’editoria ha richiesto ingenti capitali. E i magnati dell’editoria che possono sostenere certi costi, difficilmente saranno dalla parte dei ceti meno abbienti.

Il presente come sola possibilità
Ai tempi de “Il Capitale” di Karl Marx il proletariato aveva valore per il suo lavoro. Ai tempi de “La società dello spettacolo” di Guy Debord per la sua capacità di consumo. Oggi non ci resta che il voto, per questo l’economia globalizzata limita l’autonomia degli Stati. E per questo la politica vuole controllare l’informazione. Dobbiamo ricreare una libertà di informazione, studiare nuovi canali e possibili veicoli di informazione perché si rompa l’incantesimo che ci porta a considerare il presente come l’unica possibilità. Siamo realisti, chiediamo l’impossibile. via dagospia

I radicali, la più diabolica setta politica italiana

Mercoledì, 20 Giugno 2012

Marco Pannella che si presenta alle riunioni «mano nella mano con l’ultimo dei suoi fidanzati», e poi lo impone «come futuro dirigente o futuro parlamentare». Pannella che si fa trovare nudo nella vasca da bagno quando Gaetano Quagliariello gli va ad annunciare la sua uscita dal partito. Pannella che fa lo sciopero della fame e della sete, sì, ma con una scorta di pipì già pronta da bere, bollita e sterilizzata, nel frigo.Pannella il grande seduttore, lo strabordante visionario, l’eterno padre padrone di quella singolare famiglia, allargata eppure claustrofobica, che è il partito radicale. Un partito «dove il denaro, tanto denaro, veniva dilapidato». E dove Emma Bonino, da sempre, sogna di diventare la prima donna presidente della Repubblica. A raccontare vita, soldi, amori e dolori della «più diabolica setta politica italiana» è un pamphlet online di ben 208 pagine, “Da servo di Pannella a figlio libero di Dio” (www.fedecultura.com ). Caso politico-editoriale assicurato: la prefazione è di monsignor Luigi Negri, vescovo di San Marino, vicinissimo a Cl; la casa editrice è l’ultra cattolica Fede&Cultura, vicina a riviste di apologetica come Radici cristiane; quanto all’autore, Danilo Quinto, collabora con l’agenzia Fides e con L’Osservatore Romano, con Scienza e Vita e La Voce di don Camillo.E in effetti è una storia che sarebbe piaciuta a Giovanni Guareschi. Prima di convertirsi al cattolicesimo, e per ben dieci anni, Quinto è stato infatti tesoriere radicale e custode degli affari societari del partito; nel 2005 ha rotto drammaticamente con Pannella, è stato denunciato e condannato per l’appropriazione indebita di 230 mila euro, e, a sua volta, ha fatto causa per 5 milioni di contributi mai pagati, tredicesime e ferie non retribuite, danni morali e materiali. E’ dunque un ex. Pentito. E dopo essere passato nelle file del nemico, ha scritto un’antropologia del mondo pannelliano che a Pannella e ai suoi non piacerà per niente. A cominciare dallo slogan sulla copertina: la «più formidabile macchina mangiasoldi della partitocrazia italiana». Aspettatevi il botto.Laura Maragnani per “Panorama.it

ESTRATTO DEL LIBRO DI DANILO QUINTO, “DA SERVO DI PANNELLA A FIGLIO LIBERO DI DIO”…

IL DIGIUNO COME ARMA DI SEDUZIONE E DI POTERE…
Quel che veramente interessa a Pannella – per avere successo con i suoi digiuni – è raggiungere l’obiettivo dell’audience: mostrare in televisione e nelle fotografie che compaiono sui giornali, il suo volto perennemente in lotta per i più deboli e gli indifesi, per coloro che soffrono e sono umiliati. «Stampiamo la fotografia del corpo emaciato di Giovanni Negri disteso sul divano, in digiuno da quaranta giorni» ripeteva sempre Pannella a chi realizzava i giornali radicali.Di quel corpo del giovanissimo Negri era ancora innamorato. Il digiuno, quindi, non solo come arma di ricatto, ma anche di seduzione. Gaetano Quagliariello mi raccontò una volta un aneddoto della sua vita. È il 1980 ed è uno dei tre vice-segretari di Pannella, che aveva assunto le redini del Partito Radicale; gli altri due erano Francesco Rutelli e la povera Maria Teresa Di Lascia. «Quando decisi di dimettermi, Pannella mi invitò a casa sua, per parlarmi » mi disse Quagliariello.«Salii le scale e la porta era aperta, ma non c’era nessuno. Udii, però, una voce. La seguii. Pannella era nella vasca da bagno, nudo. In quel momento era in digiuno, che si protraeva da molti giorni. “Vedi in che stato sono?” mi disse, quasi piangendo. “E tu vorresti dimetterti proprio ora e lasciarmi solo così? Non capisci il dolore che mi dai?”». «E tu che facesti, Gaetano?» chiesi a Quagliariello.«Non dissi nulla. Capii che dovevo solo sottrarmi e scappare» mi rispose. Ecco come Pannella cerca di sedurre e manipolare. I digiuni di Pannella servono innanzitutto ad azzerare il dibattito interno, perché di fronte a un digiuno nessuno si permette d’interloquire politicamente, di discutere, e l’unico elemento di riflessione riguarda la salute del capo, rispetto alla quale sono tutti molto partecipi. Si sentirebbero soli e abbandonati senza di lui, incapaci persino di pensare, tanto sono abituati a essere, tutti, dei meri esecutori.A un certo punto del digiuno può accadere che – naturalmente davanti a una telecamera – Pannella beva la sua orina, fatta bollire prima del digiuno e conservata in frigorifero, al fine di allungare i giorni dell’impresa nonviolenta. L’episodio mi fu raccontato dal suo medico di fiducia d’allora, anche lui radicale. Ho visto piangere persone che dal vivo osservavano questa scena, ignare di come tutto, anche i digiuni, possano essere programmati e preparati nei dettagli, a livello scientificoPuò anche capitare che, nel bel mezzo di un digiuno, il nutrito collegio dei medici che lo assiste – e che stila più volte al giorno bollettini sulla salute medica del digiunatore – premuroso, imponga il ricovero. Ecco che i grandi giornali ne parlano e all’ospedale corrono le telecamere. Vengono mandate in onda lunghe interviste o chiama in diretta televisiva il Presidente della Repubblica.Una volta, il 20 aprile 2002, lo fece Carlo Azeglio Ciampi, alla trasmissione di Canale 5 Buona Domenica. Conduceva Maurizio Costanzo e in studio c’erano Pannella e Roberto Giachetti, allora deputato della Margherita ed ex radicale, ora segretario del gruppo del Partito Democratico alla Camera dei Deputati, uno dei più fedeli ex ancora legati al leader radicale, trait d’union con un altro ex famoso, Francesco Rutelli. I due protestavano per la mancata elezione da lungo tempo, da parte del Parlamento, di due giudici della Corte Costituzionale.Giunse – preparata dai radicali, nei giorni precedenti, con lunghe e continue conversazioni con gli ambienti del Quirinale – la telefonata del Presidente della Repubblica, che così si espresse: “Vorrei dire, in relazione a quanto hanno detto ora l’onorevole Pannella e l’onorevole Giachetti, che le loro preoccupazioni per il vuoto creatosi in una istituzione fondamentale, quale è per il nostro Stato la Corte Costituzionale, sono da me pienamente condivise. E sono state da me espresse preoccupazioni più volte. Basta ricordare la lettera che inviai ai presidenti delle due Camere circa due mesi fa e che resi pubblica. Da martedì, il Parlamento passerà a votazioni continuative: mi auguro che ciò porti a un risultato positivo.Alcuni giornali oggi hanno fatto riferimento all’ipotesi di un mio messaggio. È una possibilità, a me ben presente, nel caso di deprecabili, ulteriori ritardi”. Poi Ciampi si rivolse direttamente a Pannella e Giachetti, dicendo: “Voglio ricordar loro che il principio fondamentale della nostra civiltà è il rispetto per la vita, anche per la propria. E di tutto cuore rivolgo un caldo appello: caro Pannella, caro Giachetti, sospendete subito questo sciopero della sete e della fame”.Nello studio televisivo c’era, giusto per un puro caso, un carrello, con sopra due bicchieri pieni d’acqua. Costanzo lo fece inquadrare: “Approfittatene subito” disse pronto e quasi trafelato il Presidente della Repubblica. Pannella rispose in maniera solenne, quasi aulica: “Grazie al suo umile e forte gesto passo dallo sciopero della sete allo sciopero della fame” e bevve, insieme a Giachetti, il bicchiere d’acqua.Pensai a questa divertente gag quando, il 6 marzo del 2005, durante una riunione della direzione di Radicali Italiani, sentii parlare così Pannella di Ciampi e incidentalmente di Silvio Berlusconi: “Da noi c’è anti-legalità, vissuta, assorbita dai Presidenti della Repubblica. Noi abbiamo questa testa di cazzo, ignorante di politica e di altro, ma anche furbo e abile, che ogni giorno distrugge… con un governo che non sa che cazzo sia, per tutte le sue componenti, stato di diritto e libertà, non fa parte del suo vissuto, che non ha mai ricordato ai Presidenti della Repubblica e a questo, tu parli di politica sotto la mia responsabilità, se no stai zitto (…) Noi abbiamo il più pulito dei Presidenti. Questa testa di cazzo ci è e ci gioca, ci fa”.Le posizioni mutano, si adeguano. Del resto, quella di Pannella – nei confronti dei potenti e del potere – è una strategia antica quanto micidiale. Nel 1998 mi capitò di partecipare a una riunione a Botteghe Oscure. Il segretario dell’allora Partito Democratico della Sinistra, Massimo D’Alema, riceveva Pannella per discutere dei problemi dell’informazione televisiva e degli spazi che venivano dedicati ai radicali. Durò due ore la pazienza di D’Alema nell’ascoltare Pannella. Ogni tanto lo interrompeva, ma ci riusciva solo per qualche istante. Spesso l’ex leader comunista mi guardava, come per dirmi ma questo, che cosa vuole? e io alzavo gli occhi al cielo.Dopo lo sproloquio di Pannella – il solito, contro l’informazione che a suo parere lo censurava – i due si salutarono. Si sarebbero rivisti molte volte negli anni seguenti, quando si trattava di comprendere quale incarico internazionale si sarebbe dovuto assegnare a Emma Bonino. Il rapporto tra loro è solido e di lunga data e non c’è molto da stupirsi, quindi, quando Pannella parla così di D’Alema: “Capisco perché Massimo D’Alema se ne vuole andare in yacht: perché il territorio, grazie a lui, è merda pura” (Radio Radicale, 5 giugno 2011). Pannella e il potere.Una vicenda ondivaga ed equivoca. Anche torbida. Come non ricordare l’elezione a Presidente della Repubblica di Oscar Luigi Scalfaro, di cui Pannella, che ne era stato l’artefice, si vantò? «Scalfaro?» disse il leader radicale a “Il Mattino” il 3 giugno 1992, «il presidente che sognavamo». Per poi affermare, il 26 gennaio 1996, a “Il Giornale”: «È prepotente come don Rodrigo. Per questo i cittadini lo puniranno» e il 28 gennaio dello stesso anno, in una dichiarazione: «Scalfaro ha sfidato il Paese e il Parlamento. È un eversore fuorilegge che, solo per questo, merita la messa in stato d’accusa… Qui c’è una sola persona che deve fare un passo indietro, fino al limite della galera: è Scalfaro».Scalfaro si ricordò di queste parole e il 29 aprile 2006, mentre presiedeva la prima seduta del Senato di quella legislatura, disse a Pannella che protestava a gran voce e inviperito dalla tribuna del pubblico per la mancata elezione: «Le auguro un miglior risultato la prossima volta». E ancora, si può dimenticare quel che Pannella diceva di Prodi il 29 agosto 1995? “Il professore Prodi se ne torni a casa” affermò “rendendo più tempo al solo sport nel quale ha raggiunto significativi successi: lo spiritismo. Anzi, a questo proposito, una domanda: ma perché mai di queste mie allusioni o piuttosto sarcastiche rievocazioni di un episodio saliente della vita di Prodi tutti fanno finta di non accorgersi? (…) Caro Prodi, davvero: se ne torni a Gradoli e dintorni” (“Il 3 aprile 1978, nel corso di una seduta spiritica a cui partecipa il futuro presidente dell’Iri, Romano Prodi – racconta Gianluca Neri ne Il caso Moro: Romano Prodi, Via Gradoli e la seduta spiritica – una ‘entità’, nella fattispecie, e come risulterà dal verbale, gli spiriti di don Sturzo e La Pira, avrebbe indicato ‘Gradoli’ come luogo in cui era tenuto prigioniero Aldo Moro.Sulla base della segnalazione dall’aldilà, il 6 aprile viene organizzata una perlustrazione a Gradoli, un paesino in provincia di Viterbo. Al ministero dell’Interno, che aveva in precedenza ricevuto la segnalazione su via Gradoli, nessuno mette in collegamento le due cose. È la moglie di Moro, Eleonora, a chiedere se non potrebbe trattarsi di una via di Roma. Cossiga in persona, secondo la testimonianza resa in commissione da Agnese Moro, risponde di no. In realtà via Gradoli esiste, e sta sulle pagine gialle”).Pannella continua a scagliarsi contro Prodi nel 2005 – “se questo centrosinistra prodiano andasse al potere io lascerei l’Italia”, “Corriere della Sera” del 18 aprile 2005, pag. 8 – ma poi le prospettive cambiano e nel 2006, incassata la promessa della presenza di Emma Bonino nel governo, afferma “saremo i suoi ultimi giapponesi” (“L’Unità”, 5 dicembre 2006). Che groviglio di posizioni e quale spessore di interessi! Chissà che cosa dirà Pannella, tra qualche mese o qualche anno, di Giorgio Napolitano. Per ora i due si coccolano e sembrano amarsi.Nell’estate del 2011, dopo l’ennesimo digiuno, il Presidente della Repubblica è autore di una lettera rivolta a Pannella, in sciopero della fame e della sete sulla questione delle carceri. Il 30 giugno, così scriveva Pannella a Napolitano: “La davvero straordinaria, quotidiana, pubblica, sapiente opera – e fatica – nella quale il suo ottantaseiesimo anniversario ha colto il Presidente della Repubblica trova il Paese sensibile e riconoscenteQuanto la sua forza morale consente a tutti di riconoscergli la sua continua eccezionale creazione di energia anche fisica e intellettuale, anziché il suo spendersi e consumarsi, come umanamente certo più consueto, più ‘normale’”. Al presidente Cossiga, che esternava quotidianamente il suo pensiero, perché si rendeva conto, con le sue cosiddette picconate, che solo così avrebbe potuto salvare quel che rimaneva della Prima Repubblica, Pannella, furibondo, rivolgeva accuse violentissime, come quella di attentato alla Costituzione. L’avrebbe voluto addirittura in carcere.Al presidente Napolitano, che molto più di quanto facesse il suo predecessore, interviene nel dibattito politico, talvolta orientandolo, spesse volte condizionandolo, il leader radicale rivolge il suo omaggio, definendolo “fortemente animato dalla sua capacità di dedizione anche personale alla funzione di massima magistratura dello Stato italiano, evoca – insomma e finalmente – la grande virtù repubblicana”(!).Per poi ricordare che “il Presidente ha voluto recentemente tornare ad altamente onorarmi di suoi pubblici elogi e riconoscimenti”. Quest’ultima affermazione è assolutamente vera. La lettera rivolta dal Presidente della Repubblica al leader radicale del 23 giugno 2011, mentre questi si era fatto ricoverare in clinica a seguito del suo sciopero della sete, esordiva amorevolmente così: “Credo che l’Italia ti debba il giusto riconoscimento per la determinazione con la quale hai intrapreso tante battaglie per sollecitare una piena affermazione e tutela delle libertà civili e dei diritti dei cittadini.”E continuava: “Alcuni temi che nei decenni passati hanno via via sensibilizzato e coinvolto la pubblica opinione del nostro Paese, come quelli del divorzio, della regolamentazione dell’aborto, del riconoscimento dell’obiezione di coscienza, del pluralismo dell’informazione, della tutela dell’ambiente, della necessità, invocata con indiscutibile lungimiranza, di combattere e debellare la fame nel mondo e di eliminare in tutti i Paesi la pena di morte, sono diventati patrimonio culturale comune di larga parte della società italiana”.L’investitura che il Presidente della Repubblica fa del leader radicale è un atto politicamente sconcertante. Rappresenta anche la testimonianza di quale sorta di legami ambigui e ricattatori Marco Pannella possa godere nei confronti del potere e di quante lusinghe – consapevolmente – per accattivarselo e tenerselo buono, il potere usi nei suoi confronti. Inquietante è la capacità di Pannella di avere rapporti complessi – e qualche volta misteriosi, anche se spesso è egli stesso, nella sua megalomania a darne notizia – con le varie forme di potere segreto, parallelo a quello istituzionale.Il 30 agosto 2011, su “La Bussola Quotidiana”, Riccardo Cascioli faceva notare la curiosa coincidenza tra le dichiarazioni di Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia che riguardavano la Chiesa Cattolica, a cui “va tolta” diceva Raffi “l’esenzione dall’Ici per i beni immobili non destinati al culto” e “va congelato l’8 per mille per tre anni fino al raggiungimento del pareggio di bilancio” e l’iniziativa dei radicali, che lo stesso giorno, il 19 agosto, annunciavano un emendamento alla manovra finanziaria per “escludere qualsiasi esenzione sull’Ici per gli immobili che svolgono attività commerciali, indipendentemente da eventuali finalità di culto”.”In pratica – scriveva Cascioli – la stessa proposta di Raffi, detta in altro modo. E dietro ci va gran parte del Partito Democratico”. Su questo tema, i radicali sono stati pervicaci, capziosi e pericolosi. L’esenzione dall’Ici, infatti, è materia estranea agli accordi concordatari. Deriva dalla legislazione ordinaria, si applica alle sole attività religiose e di rilevanza sociale ed è del tutto uguale a quella di cui si giovano gli altri enti non commerciali, in particolare il terzo settore.Tanto pervicaci i radicali, quanto insipida e timida la Conferenza Episcopale Italiana, che li ha affrontati in maniera blanda, a volte stucchevole. La posizione radicale è stata sovente giustificata dall’esistenza di un dossier che sulla questione aveva aperto nel 2007 l’Unione europea. In quel periodo, al governo c’era Romano Prodi e uno dei suoi ministri era guarda caso Emma Bonino che, quando si diffuse la notizia dell’iniziativa europea, dichiarò: “Il governo esaminerà le ulteriori richieste quando arriveranno”.Era stato proprio uno dei deputati radicali, Maurizio Turco, a segnalare alla Commissione europea il particolare trattamento Ici riservato, a suo dire, agli immobili della Chiesa. Era tutto, quindi, consequenziale, preordinato e scritto. La decisione del governo Monti – definita rivoluzionaria, storica, da coloro che come gli opinionisti di “Repubblica”, costituiscono, con le loro campagne denigratorie e infamanti, la quintessenza dell’anti-cristianesimo in questo Paese – ha solo ratificato un’atmosfera che ha individuato un nemico e lo vuole abbattere.Ora, c’è chi festeggia e si prepara ancora a tramare e a sferrare altri attacchi, come quello che mira all’abrogazione del Concordato. Io, se fossi Gelli, mi presenterei nelle liste del Partito Radicale, cantava Giorgio Gaber, con preveggenza, in un album del 1985. Il 27 settembre 1987 “La Repubblica” a pagina 8 scriveva: “Alle ultime elezioni politiche Licio Gelli fu sul punto di candidarsi nelle liste del Partito Radicale. “L’Espresso” in edicola domani riferisce alcuni particolari della trattativa: il capo della P2, allora latitante all’estero (si è consegnato alle autorità svizzere solo lunedì scorso), affidò la proposta di candidatura al suo amministratore in Italia, che garantì di averla fatta pervenire a Marco Pannella.Per definire meglio l’operazione entrò in scena il figlio di Gelli, Maurizio, che ebbe una serie di incontri con un gruppo ristrettissimo di esponenti radicali”. Nella stessa data, Pannella, sul “Giornale d’Italia” precisava: “Troppo occupati da Cicciolina, scagliata contro il Pr per cercare di occultarne discorsi, obiettivi e altri candidati, settimanali e quotidiani italiani – a eccezione del ‘Corriere della sera’ nell’unica intervista che mi fu consentita – ritennero di dover occultare l’informazione del tentativo da me fatto di far tornare in Italia Licio Gelli, libero di parlare senza temere conseguenze giudiziarie, e impegnato personalmente a farlo, con precise garanzie in proposito.Non è che tale informazione la ignorassero. Ma in campagna elettorale, mentre potevamo rispondere a eventuali speculazioni alla Tv, nei comizi, nelle piazze e nelle radio, si ritiene evidentemente troppo rischioso e a noi troppo favorevole aprire una polemica sull’argomento”. Dopo le elezioni – scriveva ancora Pannella – anche in discorsi parlamentari e in interviste radiofoniche e televisive, ho cercato di provocare un dibattito sull’argomento, dichiarando che il solo partito che avesse lottato anche in Parlamento contro le mene della P2, quando era in auge e gli editori dell’Espresso, ad esempio, stilavano con Tassan Din e la Rizzoli piduista vergognosi e criminali patti di spartizione della stampa, era anche il solo impegnato e interessato – oggi – a far tornare e se possibile parlare l’ex capo della P2. Come ebbi a dichiarare durante la campagna elettorale, anche al ‘Corriere della Sera’, il tentativo non andò in porto, e non certo per i motivi – inesistenti – evocati dal settimanale di Caracciolo e Scalfari”.E Pannella, in conclusione, avvertiva, non sappiamo chi, ma avvertiva: “Ora Gelli è tornato in circolazione. Ha fatto bene. Deve però stare attento ai caffè alla Pisciotta o alla Sindona, e ci pare assolutamente improbabile che voglia rischiare simili ingestioni o anche semplicemente suicide esposizioni a denunce per calunnia da parte di potenti e potentissimi. Anche per questo abbiamo già approntato la richiesta di una commissione d’inchiesta parlamentare che, nell’arco di cento giorni al massimo, svolga un supplemento di indagine e di attività di accertamento giudiziale della verità, interrogando, se vorrà, Licio Gelli.Stiamo a vedere se la richiesta sarà votata e con tutta l’urgenza che merita e da quali forze parlamentari. Ci auguriamo che non accada di nuovo quel che accadde nella legislatura cruciale, quella 1976-79, quando i quattro deputati radicali furono i soli a prendere iniziative parlamentari per denunciare il pericolo quando era rischioso e difficile farlo, anziché collaborare con gli esponenti della P2 ai più alti livelli militari e del quarto potere”.Il 31 dicembre ‘87, sempre “La Repubblica” a pagina 7 raccontava: “La candidatura di Licio Gelli nelle liste del Partito Radicale alle elezioni politiche dello scorso giugno non si concretizzò a causa del poco tempo a disposizione, che non avrebbe permesso l’organizzazione di una campagna elettorale destinata al successo. È quanto afferma Maurizio Gelli, figlio del maestro della P2, in una lunga intervista all’Espresso. ‘Ho incontrato varie volte Marco Pannella in un albergo romano di via Veneto’ dice Maurizio Gelli. ‘C’erano anche Rutelli e Negri. Loro erano interessati al progetto, anche se ci sono stati momenti di perplessità’.Secondo il figlio del venerabile, alcuni esponenti del Pr temevano che il partito potesse essere addirittura disintegrato dalle polemiche che avrebbero accompagnato una simile candidatura. ‘Ma il progetto era pronto, tutto era stato stabilito puntualmente: mio padre avrebbe dovuto costituirsi poco prima delle elezioni’ racconta Maurizio Gelli ‘ottenere prevedibilmente gli arresti domiciliari, tenere conferenze stampa per spiegare la sua decisione di candidarsi, essere eletto, parlare alle Camere per chiarire ogni accusa e, infine, rinunciare all’immunità parlamentare’”.Durante il Congresso del Partito Radicale, che si svolgeva a Rimini, il 17 maggio 1989, “La Repubblica” a pagina 4 riportava: “(…) Applaude in prima fila anche il biondo figlio minore di Licio Gelli, quel trentenne Maurizio che dice di essere amico da due anni di Pannella e d’essere stato invitato al congresso radicale. È in compagnia della moglie, è arrivato assieme al democristiano Egidio Carenini, il cui nome stava nelle liste della P2.Rolex d’oro massiccio al polso, giacca blu mare e pantaloni grigi, Gelli junior dice di condividere molte delle idee sostenute da Pannella. Non è ancora iscritto, aggiunge (…)”. Il 18 febbraio ‘98, nel corso dell’audizione presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sul terrorismo in Italia e sulle cause della mancata individuazione dei responsabili delle stragi, Pannella chiariva: “Per quanto riguarda la domanda su Licio Gelli e la sua candidatura nel 1987, devo dire che Gelli è stato potente, la sua organizzazione della politica è stata quanto meno rispettata dalle grandi forze politiche e dai poteri italiani”.Pannella, aggiungeva: “Quell’anno – Gelli era da almeno un anno in una giungla, irrintracciabile – nella nostra sete di verità io pensai e dissi pubblicamente che eravamo disposti ad andare al disastro elettorale – perché non avremmo avuto modo di spiegarci agli Italiani, grazie all’assenza di democrazia e di rispetto dei diritti in Italia per quello che ci riguarda – pur di offrire a Gelli l’immunità parlamentare dietro la garanzia che lui avrebbe raccontato la verità. C’era stato un precedente e vi ho già fatto cenno: il generale De Lorenzo, che era stato attaccato soprattutto da “L’Espresso” e dai radicali, a un certo punto chiese a Franco De Cataldo di difenderlo.Dopo averne parlato con me personalmente, Franco De Cataldo gli rispose che l’avrebbe difeso se egli avesse raccontato quello che sapeva, cambiando linea difensiva; e le cose che si seppero in quel moento emersero proprio in base a questo impegno di De Lorenzo. Quindi la nostra idea – lo dicemmo pubblicamente – era di offrire l’immunità al fuggiasco, a colui che poteva essere ammazzato da un momento all’altro. Ormai Gelli non faceva più comodo a parecchie persone e infatti scappava perché pensava che qualcuno avrebbe potuto ucciderlo.Abbiamo tentato di avere la garanzia che, in cambio dell’immunità parlamentare, ancorché relativa, Gelli si impegnava con noi a raccontare la sua verità; ma avemmo la sensazione che non poteva o non voleva dare questa garanzia e quindi non se ne fece nulla. Voglio sottolineare ancora che questa notizia la demmo noi”. Il 30 dicembre 1998, l’agenzia Ansa batteva questa notizia: “Un appello a Licio Gelli di Marco Pannella sarà pubblicato oggi – annuncia un comunicato della Lista Pannella – dai quotidiani ‘La Nazione’, ‘Il Resto del Carlino’ e ‘Il Giorno’: ‘Non diventi complice del suo proprio assassinio di Stato. Cerchi di vivere’.Pannella ricorda che Gelli, ‘80 anni, in gravissime condizioni secondo tutte le perizie mediche, ridotto a una larva’, si vede negare gli arresti domiciliari, malgrado il fatto che fra 8 mesi dovrà essere scarcerato, ‘se ancora vive’”. Da Gelli a Raffi, passando per l’enfasi con la quale Pannella ha proposto ed evocato ripetutamente, nel corso degli anni, la figura di Ernesto Nathan, sindaco di Roma agli inizi del secolo scorso e più volte Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia. Corsi e ricorsi storici per i radicali o solo pura casualità? Per Pannella e Bonino, parafrasare lo slogan di Kennedy, siamo tutti berlinesi, sostituendo l’ultima parola con radicali, non è una boutade. È la realtà. Chi non è stato radicale?Con spregiudicata disinvoltura, nell’arco di decenni, sono state raccolte le simpatie, le adesioni e le iscrizioni – spesso anche le candidature e gli eletti – tra i personaggi più disparati. Attori e registi, cantautori e scrittori, giornalisti e politici. Anche uomini – e donne – di Chiesa. Ieri, tra i sacerdoti, era don Gianni Baget Bozzo a dire: “Marco Pannella in realtà è una figura interna alla cristianità italiana. Non è un politico. È un profeta. Pannella è un impolitico, non guarda al governo: vuole, attraverso la politica, riformare l’orizzonte spirituale degli uomini. La visione di Pannella non è solo politica. È una visione religiosa.È stato lui a introdurre il digiuno, la nonviolenza e tutto l’universo di Gandhi in Italia. Pannella trascende la politica: castiga il corpo per elevare l’anima”. Oggi don Andrea Gallo sostiene che “Pannella è l’unico profeta laico disarmato che testimonia in difesa dei diritti civili”. Gli fa eco don Antonio Mazzi – autore, nel mese di settembre del 2011, della trovata sull’abolizione dei seminari – che fa il presidente dei comitati pro-amnistia promossi dai radicali e apre, al fianco di Pannella, le sue marce. Una suora, Marisa Galli, nel 1979 venne eletta deputata con i voti del Partito Radicale. vi dagospia

 

 

Sono vent’anni che i ministri economici sono “tecnici”

Venerdì, 9 Marzo 2012

L’ultimo ministro politico-politico al Bilancio (poi trasformato in superministero dell’Economia) è stato il sempre vituperato andreottiano, Paolo Cirino Pomicino (luglio 1989-giugno 1992).  Con buona pace dei Gabibbo dell’Antipolitica, alla guida dell’economia del Paese si sono succeduti, nell’ordine, solo ministri “tecnici”:
Franco Reviglio (giugno 1992-febbraio ’93); Beniamino Andreatta (febbraio 1993-aprile ’93); Luigi Spaventa (aprile 1993-maggio 1994); Giancarlo Pagliarini (maggio 1994-maggio 1995); Rainer Masera (gennaio 1995-gtennaio 1996); Augusto Fantozzi (gennaio 1996-febbraio 1996); Mario Arcelli (febbraio 1996-maggio 1996); Ciampi Azeglio (giugno 1996-maggio 1999); Giuliano Amato (maggio 1999-aprile 2000); Vincenzo Visco (aprile 2000-giugno 2001); Giulio Tremonti (giugno 2001-luglio 2004); Domenico Siniscalco (luglio 2004-settembre 2005); Giulio Tremonti (settembre 2005-maggio 2006); Tommaso Padoa Schioppa (maggio 2006-maggio 2008); Giulio Tremonti (maggio 2008-novembre 2011); Mario Monti (novembre 2011, in carica ad interim). dagoreport