Articolo taggato ‘farina’

Se la prof è suora il velo non piace più

Venerdì, 11 Dicembre 2009

Vogliono mandare al confino le suore, estrometterle dalla vita pubblica, chiuderle in monastero. Sta accadendo a Roma in questi giorni, scuola elementare Jean Piaget, via Suvereto. Un gruppo di zelanti genitrici, guidate da una «cassintegrata dell’Alitalia» ha chiesto la testa di una maestra colpevole di essere suora. Costei è un tipo minuto. Non ha fatto propaganda di Gesù, quando mai. Insegna italiano, ha il curriculum giusto, i titoli di studio, sta in graduatoria. Ma per il fatto di essere suora, secondo la cassintegrata dell’Alitalia (un nome, un programma), non può essere una dipendente dello Stato laico. Deve sparire.
Scrive Fabrizio Caccia sul Corriere della Sera: «Un gruppo di mamme ieri mattina ha incontrato la preside, Maria Matilde Filippini. Il motivo? La nuova maestra d’italiano della II C, da venerdì scorso, è una suora. Suor Annalisa Falasco, padovana, 61 anni, della congregazione di Maria Consolatrice, è stata mandata dal provveditorato di Roma a sostituire l’insegnante di ruolo, che ha appena vinto una borsa di studio e se ne è andata altrove. Dice ora Patrizia Angari, trentasei anni, cassintegrata Alitalia, a nome pure delle altre mamme: «La nostra è una scuola pubblica, una scuola statale, perciò se serve faremo ricorso al Tar. Qui non è in discussione la persona, la suora sarà pure bravissima ma io contesto l’istituzione che rappresenta. Cioè la Chiesa. Voglio vedere cosa dirà la maestra a mio figlio quando Valerio le chiederà come è nato l’universo. Sono atea e credo che la scuola pubblica debba essere quantomeno laica. O no?».
Che Paese stiamo diventando? Dov’è che si era vista una scena così? La madre lavoratrice che organizza un comitato di mamme democratiche e smaschera il traditore che corrompe i fanciulli? Va be’, c’è stato il caso di Socrate, ma non esageriamo. Più vicino a noi: Unione Sovietica, ventesimo secolo. Arcipelago Gulag di Solgenitsin racconta vicende di questo genere. Sbugiardare il finto compagno, rivelare che è un prete, consegnarlo alla vergogna popolare. Sulla Pravda apparivano le lettere delle mungitrici di renne, da noi le più rappresentative sono le hostess Alitalia, ad alcune delle quali i privilegi devono aver dato alla testa. Anche da cassintegrate è più alto il loro mensile di quello complessivo di un esercito di suorine che puliscono il sedere a bambini e a vecchi.
C’è bisogno di spiegare perché tutto questo è razzismo, convinto per di più di essere progressista? I razzisti sono quelli che dividono gli esseri umani in due categorie: le persone degne di godere dei diritti umani, e quelle meno, molto meno. Qui si nega a una persona il diritto di meritarsi un posto di lavoro sulla base dell’appartenenza a una religione. Se ci fosse una magistratura seria interverrebbe aprendo un fascicolo sulla vicenda intestandolo alla Legge Mancino, là dove si punisce «… con la reclusione sino a tre anni chi (…) incita a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi» (art. 1).
Una bella idea di laicità esprime la mamma citata. È in linea di navigazione con una deriva tutta occidentale. L’Europa si vuole annullare, si odia. Detesta le sue origini. In nome dell’illuminismo giacobino fa fuori l’illuminismo ragionevole, e con esso si uccide, lasciando spazio a una tranquilla invasione islamica.

(continua…)

Perchè Gheddafi può offendere Gesù?

Martedì, 17 Novembre 2009

Arrivato a Roma, che resta in fondo la capitale della cristianità, Gheddafi non ha staccato il crocifisso dal muro. A quello ci pensa l’Europa. Lui ha preteso di identificare chi vi è stato inchiodato. Dicendo: «Non è Gesù, non è mai stato Gesù». «Era un sosia, uno che gli assomigliava», ha predicato con solennità. Per citare l’agenzia Ansa si sarebbe espresso così: «Voi credete che Gesù è stato crocifisso ma non lo è stato, lo ha preso Dio in cielo. Hanno crocefisso uno che assomigliava a lui». Ma non solo: «Gli ebrei hanno cercato di ammazzare Gesù perché lui voleva rimettere sulla via giusta la religione di Mosè».

Insomma: Gesù è un profeta dell’Islam, e sarebbe una specie di vigliacco che scappa in braccio a Dio per non farsi mettere a morte dagli ebrei, lasciando che sia un altro a soffrire per lui. La nostra idea, forse la nostra speranza, è che ieri a dire queste bestialità beduine non sia stato il vero Colonnello ma un suo sosia. Una pratica molto nota tra i capi musulmani. Saddam Hussein ne aveva una dozzina, è stato scritto un bellissimo libro sul tema da Martin Amis. Probabile ne abbia anche Gheddafi, ma la prossima volta li scelga più intelligenti, e anche più rispettosi delle persone e del luogo dove va a pontificare.

(continua…)

Farina è “una cozza del giornalismo” by Mulassano firmataria appello contro Calabresi

Lunedì, 30 Luglio 2007

"Caro Roberto,di me ti ricorderai senz’altro come io mi ricordo di te. Hai fatto un bellissimo lavoro con Dagospia, ma certe cose non te le perdono. Una per tutte, pubblicare
gli articoli di Farina. Chissenefrega se è uno del Sismi, cazzi suoi, ma che sia un essere spregevole lo sanno tutti ma proprio tutti. Basta guardarlo in faccia, sentirlo parlare e leggere ciò che scrive con bile e male. E’ una cozza del giornalismo beccato con le manine nella merda ed assolutamente non disposto a darsi alla coltivazione di asparagi che farebbe sicuramente meglio della professione che fa.

Che schifo andare a rivangare le 800 firme dell’Espresso e che inutilità: chi lo ha fatto, come me, lo ha fatto perché tutt’ora pensa che sia giusto averlo fatto: le scuse a me danno il voltastomaco a meno che qualcuno abbia firmato credendo di guadagnarsi un angolino di paradiso. Per me, ma nemmeno per Letizia Gonzales la firma di allora ha dato frutti. Siamo due signore pensionate con alle spalle una carriera adamantina e le nostre idee politiche di allora e di oggi non ci hanno mai fatto guadagnare.

E tanto basta per non sputarci in faccia ma soprattutto per non farci sputare in faccia da Renato Farina, giustamente radiato dall’Ordine dei giornalisti. Con immutata stima e simpatia.
Adriana Mulassano"

(continua…)

L’appello contro il commissario Calabresi? lo firmarono Mieli Scalfari Colombo Bobbio Eco Bocca etc

Venerdì, 27 Luglio 2007

La vicenda del manifesto scatenato contro Magdi Allam ha indotto a trovare un antecedente nell’appello che fornì il movente della condanna a morte del commissario Luigi Calabresi, eseguita il 17 maggio 1972. Con interessanti scoperte. Ne anticipo una perché sì. L’attuale presidente dei giornalisti della Lombardia, Letizia Gonzales, è tra coloro che l’hanno firmata. Non se ne sapeva nulla. Lei non l’ha mai detto. Lei insegna deontologia ai cronisti, giudica il prossimo con zelo.

È archeologia? Boh. Mi si dice: bisogna situare la vicenda nel suo tempo. D’accordo. Piazziamola lì. Allora va bene sopire, occultare, far perdere le tracce? La lettera sottoscritta contro il commissario Luigi Calabresi uscì il 13 giugno 1971 sull’Espresso, poi ancora il 20 e il 27 giugno. Ogni volta con firme importanti ma anche di gente che sperava di cavalcare l’onda giusta. Aveva ragione. Era l’onda scendente. La storia l’ha dimostrato. Raccolse circa 800 firme. Ho fatto parecchie scoperte interessanti. Provo a elencarle.

1) Il primo firmatario è Marino Berengo. Qualcuno lo ricorda? Molti dell’ambiente accademico sì. Era il professore dell’Università Statale di Milano che più sostenne il Movimento Studentesco. Uno storico scrupoloso. È scomparso nel 2000. In nessuna biografia encomiastica a lui dedicata si ricorda questo particolare: è li nome numero 1 di un mandato di omicidio. Interessante notare che nel 1974, due anni dopo l’assassinio, è stato promosso professore ordinario a Ca’ Foscari, il glorioso ateneo di Venezia.

2) Berengo ha fatto carriera insomma. Nessuno dei firmatari ha pagato con un minimo rallentamento della sua corsa questa infamia di uccidere con le parole un uomo il cui destino ne risultò segnato. Ricordiamo che tra essi alcuni hanno chiesto scusa. Ci sono Paolo Mieli, Lucio Colletti, Furio Colombo. Bisogna sapere che su internet c’è un’enciclopedia che è la più consultata del mondo, si chiama Wikipedia. Ho controllato: nessuno tra questi tre è ricordato per queste scuse, come manco uno tra gli 800 per la schifosa firma. Perché tutto questo è ritenuto così poco importante? Si può dichiarare una guerra preventiva a un uomo definito senza prove "commissario torturatore", sotto il titolo "Colpi di karatè" e ritenere l’episodio di nessun rilievo? Oltretutto è stato importantissimo nella storia d’Italia. O sbaglio?

3) In quella lettera si attaccano anche i , colpevoli di tardare nel sancire il sicuro assassino Calabresi . Qualcuno è stato condannato dal Csm per questo? No. Anzi, sull’Espresso compare una lettera spaventosa a corredo e rinforzo di questo appello: è firmata da un padre della patria, Ferruccio Parri. Egli chiede . Contro Calabresi e i magistrati che – secondo questa crème italiana – gli tengono bordone. Com’è stata possibile questa deriva? O è connaturale a una certa cultura comunista e giustizialista? E soprattutto come mai nessuno, salvo scuse private o tenui di quei quattro gatti, ha pagato o almeno rende conto di questo scivolamento paraterroristico? C’erano politici onorati e morti, come Terracini, Pajetta, Amendola per nominare solo i famosi. Sono stati in carcere sotto il fascismo. Non è un buon motivo per spedire sotto terra un innocente.

4) Ci sono molti filosofi nella lettera. Norberto Bobbio, individuato universalmente come un grande pacifista, ma anche Enzo Paci, Umberto Eco e il citato e pentito Lucio Colletti. Citiamo solo i grandi. Ma pullulano gli storici. Si va da Paolo Spriano, a Guido Quazza (i suoi libri erano i più diffusi nei licei), Argan, ma anche Lucio Villari. È bellissimo leggere le critiche di costoro alle avventatezze storiche del prossimo, quando hanno questo macigno sulla loro probità di ricercatori a pro di altrui omicidio. C’era un bell’articolo di Villari su Repubblica di domenica scorsa: se la prendeva con la prosa di Mussolini il quale non avverte nessuna colpa. Complimenti.

5) Il capitolo giornalisti è molto interessante. Ci sono – tranne Enzo Biagi e Indro Montanelli – tutti i mostri sacri. Giorgio Bocca ed Eugenio Scalfari, ma si sapeva. Tra i nomi sinora tenuti in ombra ci tocca segnalare i due dioscuri di Repubblica ovunque segnalati per la loro eleganza, equilibrio e statura morale. Parlo di Sandro Viola e Bernardo Valli. Come mai stavano nel gruppo di scribi e farisei che hanno urlato il crucifige? Tra essi c’era anche Gianni Corbi, futuro garante dei lettori di Repubblica. Ha garantito meno Calabresi, ma che sarà mai. Sono passati molti anni? Dario Fo ci ha messo quarant’anni ad ammettere, dopo essere stato scoperto, di aver militato in camicia nera nella Repubblica di Salò. Heinrich Boll ne ha impiegati 61 per riconoscere di essere stato nelle SS. Non è mai troppo tardi.

6) Sorpresina: c’è Folco Quilici, documentarista attentissimo a che non scompaiano i pescecani e ai pinguini, ma sui commissari torturatori si può chiudere un occhio.

7) Sorpresa già annunciata. Tra i firmatari c’è Letizia Gonzales, in un crocchio di giornaliste specialiste di moda, tra cui Adriana Mulassano e Giovanna Mazzetti. Conta parecchio anche se il nome dice poco ai lettori: la signora Gonzales è diventata presidente dei giornalisti della Lombardia. Essa è specialista di deontologia, come molte professioniste del suo settore. La sua elezione è nata dalla contrapposizione con Franco Abruzzo. Il quale era stato accusato di essere stato troppo dolce poiché aveva proposto per me un anno di sospensione invece della radiazione. La Gonzales non ci sta. Scandalo, vergogna, indegnità, radiazione perenne: Farina ha aiutato il Sismi! Quando questa spietata fustigatrice firma la condanna a morte di Calabresi aveva la stessa età del Commissario, 34 anni. Mi chiedo: perché non sente il bisogno di far conoscere l’episodio, non dico di autoradiarsi, figuriamoci, ma almeno di levarsi la sua piccola trave. Ah già, c’è la prescrizione. La coscienza va in prescrizione?

8) Il manifesto assassino fu sottoscritto collettivamente anche dal "Movimento nazionale dei giornalisti democratici" da cui è uscita la corrente "Rinnovamento" che governa attualmente il sindacato. Non si ritrova traccia di scuse da nessuna parte, quando si rifà la storia dei giornalisti. Paolo Murialdi, gigante scomparso delle scuole di giornalismo, non cita questo episodio. Il leader cattolico Sergio Borsi, segretario del sindacato, poi di recente direttore dell’Eco di Bergamo, e ancora oggi tra i capi dei giornalisti, ha rivendicato la bontà di quel movimento democratico, sostenendo che il suo nerbo stava in Lombardia. Che bello. Ad esso si contrappose Walter Tobagi. Interessante. Chiedere il parere ai due (assassinati).

9) La morale è forse questa: c’è chi vede la pagliuzza degli altri, ma non il suo tronco, che non sempre è di Betulla."

(continua…)

G.Ferrara e la Deontologia professionale. Il caso Farina-Ordine dei giornalisti

Martedì, 31 Ottobre 2006


La richiesta di radiazione dall’albo dei giornalisti di Renato Farina, avanzata dal sostituto procuratore generale di Milano, è contestata da Giuliano Ferrara, in buona sostanza, sull’assunto che, ove c’è libertà di stampa, il giornalismo può parteggiare per una idea perchè è dal confronto delle posizioni che emerge la verità e il lettore è tenuto a “fare uno sforzo di comprensione”. Ferrara dimentica, però, che la libertà di espressione e la libertà di stampa non sono un fine, ma uno strumento attaverso il quale la democrazia crea le pre-condizioni per il suo funzionamento. Il che significa che tali libertà non possono essere viste solo nell’ottica di chi dà le notizie (il partigiano che promuove una causa), ma anche di chi le riceve (il lettore che deve essere messo nelle condizioni di esercitare i suoi diritti/doveri civili e politici), non garantendo certo la pluralità delle fonti l’obiettività della notizia. In questo contesto, la deontologia è l’insieme delle regole, destinate ai giornalisti, che declinano il “come” dell’attività professionale. Ci potrebbero anche essere tanti giornali ma – se non si impone al giornalista di verificare le fonti – avremmo altrettanti uffici stampa. Ecco perchè, anche quando partigiano, il giornalista deve essere tenuto a rispettare tali regole, si tratta delle regole che presidiano il patto fiduciario che lega un giornale ai suoi lettori senza il quale nessuno sforzo di comprensione da parte di quest’ultimo sarà mai possibile.